laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Al progetto volontariato del Liceo Pacinotti il Premio Bontà 2016

Più informazioni su

LA SPEZIA Il Premio della Bontà, che secondo una tradizione ormai consolidata viene assegnato ogni anno dal Vescovo al termine della Santa Messa dell’Epifania nella cattedrale di Cristo Re alla Spezia, è toccato quest’anno alle iniziative proposte dalle docenti di Religione Cattolica Maria Letizia Lacagnina (Liceo Pacinotti) e Paola Viasco (Istituto Da Passano – Fossati) e ai giovani volontari che si sono impegnati nel realizzarle. Le insegnanti sopracitate attuano da più di 20 anni un’opera di educazione alla solidarietà che coinvolge ragazzi, genitori, insegnanti (4/500 volontari ogni anno) che s’impegnano nell’aiutare ed essere vicini alle persone che vivono situazioni di disagio sociale, in particolare:

  • anziani e persone ospiti di ospedali e luoghi di ricovero, visitando direttamente le persone anziane ospiti di ospizi e i degenti dei vari ospedali provinciali;
  • bambini e coetanei che necessitano di essere aiutati nello studio ( tramite i doposcuola presso le parrocchie, ad esempio N.S. della Salute dove 50 volontari aiutano attualmente 80 bambini);
  • persone disabili in collegamento con Anffass e il centro “La Gabbianella”;
  • persone e famiglie in difficoltà, tramite la raccolta e la distribuzione di alimenti in collaborazione con la Caritas ( più di 600 kg di alimenti raccolti in media ogni mese attraverso una rete che coinvolge oltre 50 negozi cittadini) e attraverso periodiche collette alimentari.

Per il Progetto Volontariato il Liceo Pacinotti ha acquisito la qualifica di “Scuola dell’UNESCO” ed è annoverato tra le eccellenze della medesima agenzia.

In considerazione della meritoria attività finora svolta dalle due docenti e dai volontari coinvolti, il Lyons Spezia Host, presieduto da Luigi Di Razza, ha messo a disposizione 1.500 euro per sostenere e continuare a promuovere tali azioni di educazione alla solidarietà di cui la nostra società, e soprattutto i nostri giovani, hanno sempre più bisogno.

Più informazioni su