laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Lunezia Volley secondo da solo

Più informazioni su

TIGULLIO S. MARGHERITA – LUNEZIA VOLLEY 0-3

Set: 16-25 / 25-27 / 17-25.

Durata: 16 minuti / 30 / 17.

TIGULLIO SANTA MARGHERITA: Newman 0, Gulisano 14, Castagna 7, Sogliani 7, Passarelli 1, Lagasco 8, Trentini 3, Bargi 2, Schiaffino libero; n.e. Ganzarolli, Luciano, Russo, Massa. All. Soffietto; vice Perri.

LUNEZIA VOLLEY: Ruffini 1, Brizzi 0, Leonardi F. 3, Lupi 5, Masciullo 9, Raffaelli 6, Carrozzo 1, Tomaino 19, Marku 18, Brusoni 0, Leonardi J. libero; n.e. Spadone e Ferdeghini. All. Pascucci; vice Secco.

ARBITRI: Magnanego e Pons.

A Santa Margherita Ligure il Lunezia Volley vince a mani pressoché basse. Viene dunque da chiedersi come mai al termine coach Alfonso Pascucci definisca la vittoria come “fondamentale”. Perché, colta contro un avversario fino a prima del match appena un punto dietro, rende l’idea delle potenzialità del Lunezia ? Perché insedia le biancoblu da sole al secondo posto ufficializzandole, in C ligure femminile, come prime inseguitrici della “lepre” Autorev Spezia ? O che altro ?

Di sicuro c’è solo questo successo più che limpido che porta tre punti importanti e testimonia l’eccellente stato di salute della squadra. A quest’ultimo riguardo, a proposito, il set più significativo è stato probabilmente il secondo per quanto paradossale possa sembrare: il solo combattutissimo, che però ha visto le “lunensi” capaci di imporsi sul filo di lana, dopo essere state indietro di persino sei punti; cosa che la dice lunga sulle salde condizioni psico-fisiche della squadra. La cronaca…

Al Palasport sammargheritese Volley Lunezia con la Ruffini al palleggio (un paio di volte rimpiazzata dalla Brizzi) e Francesca Leonardi in diagonale ove sovente la rileva la Lupi, la Masciullo e la Raffaelli al centro dove si vedrà pure la Carozzo, di banda la Tomaino e la Marku con Jessica Leonardi libero. Farà capolino sul finire del primo set anche la Brusoni all’ala.

Le padrone di casa rispondono con la Newman in costruzione e la Gulisano opposto, la Castagna e la Sogliani in mezzo dove comparirà agli sgoccioli pure la Passarelli, “martelli” la Lagasco e la Trentini è più d’una volta la Bargi. Da libero giostra la Schiaffino.

Primo set senza storia, come le cifre indicano, chiuso da una schiacciata dell’emergente Lupi. Reazione locale nella seconda frazione di gara, non a caso inizia a chiamare time-out pure coach Alfonso Pascucci, ma come detto le ospiti sfoderano un prodigioso recupero dopo essere state sotto di addirittura 6 lunghezze. Il finale è al cardiopalma e dopo mezz’ora risolve il tutto un bel “muro” della Carrozzo, è l’unico punto di quest’ultima, ma di importanza capitale per evitare che il match prenda strane pieghe. In discesa sulla falsariga della prima, infine, l’ultima parte dell’incontro che si chiude a sua volta con un punto della Lupi.

“Era importante ripartire di prepotenza – commenta alla fine la veterana Alessandra Tomaino – dopo la pausa festiva. L’ utorev ? Appare imprendibile, facciamoci coraggio tenendo presente che tuttora ci attendono due scontri diretti con loro, nell’arco di questo campionato. Chissà”.

E poi, magari si potrebbe aggiungere, in Serie B ci si va pure da secondi.

Nella foto da sinistra: Leonardi J., Masciullo, Leonardi F., Carrozzo, Raffaelli, Ruffini, Lupi, Brizzi, Tomaino, Spadone, Marku e Ferdeghini.

Più informazioni su