laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

il Partito Socialista e le prossime elezioni amministrative

Più informazioni su

Federazione PSI – La Spezia.

LA SPEZIA – «Come Partito Socialista Italiano abbiamo proposto la scorsa settimana un percorso verso le prossime amministrative nel comune della Spezia che si concretizzasse in due semplici ma essenziali punti:
– Individuazione di un progetto politico condiviso fatto di contenuti, di priorità, di programmi, realizzato attraverso il coinvolgimento vero di partiti, associazioni, rappresentanti del mondo del lavoro, cittadini.
– Individuazione di un candidato che sappia costituire un momento di sintesi e non di divisione e sia garanzia per tutti per la realizzazione di tale progetto politico.

Riteniamo che la discussione sul primo punto deva necessariamente partire e per questo proponiamo alcune idee che in parte hanno già guidato l’operato del nostro gruppo consiliare e che secondo noi socialisti dovranno essere alla base della futura proposta alla nostra città.

1) Lavoro
Difesa e incentivazione di tutto il tessuto produttivo-occupazionale, dall’industria alla portualità alla piccola media impresa fino al turismo. Ben sapendo che il futuro, il progresso, la salute e il benessere non passano da fantasiose idee di ritorni ad un nostalgico e utopico passato ma dalla ricerca, dall’innovazione e dalle nuove tecnologie. Istituire un protocollo intesa sugli appalti per beni, servizi e forniture p.a.

2) Sanità
Il nuovo Ospedale del Felettino non è una cattedrale nel deserto come vaticinato da alcuni professionisti del mugugno ma è un fondamentale tassello che garantirà ai cittadini servizi sanitari migliori ed efficienti. Il completamento di questo progetto consentirà di riorganizzare l’offerta sanitaria della città arrivando finalmente anche a ripensare il vecchio nosocomio S.Andrea che potrà essere dedicato anche a differenti prestazioni sociosanitarie data la sua struttura e posizione. L’amministrazione deve pensare a campagne mirate di prevenzione e monitoraggio su alcuni temi di interesse comunale e nazionale (rischio esposizione amianto, vaccinazioni ecc.ecc.)

3) Aree e future destinazioni
L’area ENEL dopo la futura dismissione, nel rispetto di tutte le normative di tutela della salute pubblica, deve restare un’area industriale vista anche la sua posizione strategica tra porto e raccordo autostradale. Enel stessa deve essere coinvolta nel futuro di quell’area con l’intento di puntare anche sul settore dell’innovazione e dell’efficienza energetica oltre a quello navale. Anche per le aree militari dismesse ci si deve adoperare per un progressivo ritorno alla città e vista la loro posizione si deve pensare a pubbliche destinazioni d’uso come già è stato fatto, ad esempio, con il centro sportivo Montagna e l’ex Ospedale Militare

4) Cura dell’ordinario
Spezia ha cambiato volto ed è sotto gli occhi di tutti, con la zona pedonale e molte opere di riqualificazione nel centro città che infatti è tornato a vivere anche nelle ore serali. E’ il momento di occuparsi con determinazione delle periferie e delle diffuse condizioni di scarsa pulizia e manutenzione che purtroppo sono ancora presenti pensando anche ad efficaci metodi premiali per migliorare la raccolta differenziata.

5) Politiche sociali e diritti civili
Incentivare e rafforzare le misure volte a implementare la rete dei servizi, delle risorse e delle opportunità sociali a disposizione dei cittadini e della comunità. Massima attenzione ai diritti civili e ai diritti di libertà personale.»

Più informazioni su