laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Un Carispezia eroico a Monza vola nei quarti di finale di Coppa Cers

Simone Corona para tutto, Davide Borsi segna il penalty decisivo e Monza è eliminato. Sarà Carispezia Sarzana a giocarsi il quarto di finale di Coppa Cers contro i Portoghesi del Turquel. La formazione rossonera ha superato gli ottavi andando a vincere a Monza 3 a 2 dopo i tiri di rigore. Lacrime di grande gioia al termine per aver superato l’ostacolo ed essere approdati per il secondo anno consecutivo ai quarti di finale di Coppa Cers. (nella foto di Francesco Dal Mut Simone Corona grande protagonista della serata).

CENTEMERO MONZA – CARISPEZIA HOCKEY SARZANA 3 – 1 dtr (2 – 3 dopo i tiri di rigore)

CENTEMERO MONZA: Oviedo (Piscitelli), Martì, Julian Martinez (1), Camporese (1rig), Lucas Martinez (2), Filippo Compagno, Francesco Compagno, Besana, Zucchetti (1rig). Allenatore: Tommaso Colamaria.

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: Corona (Alessio Perroni), De Rinaldis, Pistelli, Sterpini, Dolce, Rossi, Rispogliati, Festa (1rig), Borsi (3) (1+2rig.). Allenatore: Francesco Dolce.

Arbitri: Sig. Rui Torres (PT), Sig. Paulo Rainha (PT) ausiliario Sig.Brambilla (LO)

Sull’errore di Zucchetti che regalava la vittoria ai rossoneri, il Presidente rossonero saltava a due a due i gradini della tribuna del PalaRovagnati per gioire assieme ai propri ragazzi e urlando a squarciagola “ritorniamo in Portogallo”, gioia condivisa con gli sportivi rossoneri presenti a Biassono, tutti in visibilio per la qualificazione conquistata. “Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arresocommenta il presidente Maurizio Corona a fine partita visibilmente emozionato, citando Nelson Mandela Sognavamo questa qualificazione, pur sapendo che era difficilissima, l’abbiamo conquistata contro ogni pronostico, ritorniamo come la scorsa stagione ai quarti di finale di Coppa Cers, quando al Polivalente arrivò lo Sporting Lisbona e sulle ali di quel fantastico ricordo tutti volevamo sfidare i Portoghesi del Turquel al Vecchio Mercato sabato 11 Marzo nella gara di ritorno del terzo turno della manifestazione europea. Noi però a differenza della passata stagione vogliamo provarci e vogliamo pensare in grande, perche personalmente ero convinto prima di questa gara che chi fosse uscito vincitore dalla sfida tra Sarzana e Monza avrebbe avuto buone possibilità di qualificarsi alla final four della manifestazione e ora sarebbe scellerato perdere questa incredibile opportunità. Questa qualificazione è certamente un regalo che facciamo a tutta la Città, siamo stati orgogliosi dei tantissimi messaggi ricevuti al termine della gara e dei complimenti ricevuti a fine partita sui social, questa vicinanza ci riempie d’orgoglio e ci dà carica per il prosieguo della stagione che avrà comunque come obiettivo primario l’ottava salvezza da conquistare in serie A1 oltre quello di onorare al meglio il quarto di finale della Coppa Italia che ci vedrà opposti ai Campioni d’Italia del Forte dei Marmi. Ora più che mai abbiamo bisogno di un aiuto tangibile da tutti, la trasferta in Portogallo assieme alla disputa del Campionato di Serie A1, alla final-eight di Coppa Italia ci porteranno ad un grosso sacrificio economico. Noi tra le mille difficoltà quotidiane siamo orgogliosi dei risultati ottenuti, che ci danno l’energia per lavorare sodo anche perché crediamo che per la Città di Sarzana tutto questo sia una eccellenza a cui non deve rinunciare. Vogliamo preparare la serata dell’ 11 Marzo quando i portoghesi saranno di scena al Vecchio Mercato, in maniera minuziosa, un’altra serata di gala sportiva che regaleremo a tutta la comunità sarzanese: scenografie, inni, bandiere, bimbi della scuola hockey e l’esibizione della pluricampionessa di pattinaggio artistico Silvia Lambruschi. Guardando invece la partita di Monza, abbiamo passato il turno contro un’ottima squadra, in un palazzetto pieno di gente, con una coreografia iniziale molto bella. Non era per niente facile – continua Corona – il quintetto allenato da Tommaso Colamaria può avvalersi di ottimi giocatori con individualità importanti, il capocannoniere della scorsa stagione di Serie A1, Lucas Martinez, il migliore giovane talento dell’ hockey italiano Francesco Compagno e l’inossidabile Juan Oviedo a difesa della porta. Comunque penso – conclude il Presidente – che il Carispezia di sabato sera abbia gettato il cuore oltre l’ostacolo giocando una partita stoica, combattuta, con i lombardi che fin dall’inizio hanno provato a ribaltare la contesa, ma che alla fine hanno dovuto arrendersi a un gruppo coeso e unito come è il Sarzana di questa stagione”.

Sarà Carispezia Sarzana a giocarsi il quarto di finale di Coppa Cers contro i Portoghesi del Turquel. La formazione rossonera ha superato gli ottavi andando a vincere a Monza 3 a 2 dopo i tiri di rigore. Lacrime di grande gioia al termine per aver superato l’ostacolo ed essere approdati per il secondo anno consecutivo ai quarti di finale di Coppa Cers. Un impresa eccezionale per una società come Carispezia Sarzana. Un traguardo sicuramente meritato. Dal dischetto grande protagonista Davide Borsi che ha fatto due centri (suo anche il gol realizzato durante i tempi regolamentari che ha portato la partita ai supplementari). Bravo anche Festa che ha messo a segno il suo. Altrettanto esaltante la prestazione del portiere rossonero Simone Corona, eccezionale per tutta la partita soprattutto quando a 55” secondi dal termine del secondo tempo supplementare, ha parato una punizione diretta a Lucas Martinez. Il Monza ha giocato la partita della vita. Superare il turno era il suo obiettivo ma si è trovato di fronte un Sarzana motivato, che ha contrastato validamente il gioco lombardo. I gol dei fratelli Martinez (due Lucas ed uno Julian) non sono bastati. Carispezia ha lottato e meritato. In alcuni frangenti è stato anche sfortunato con i pali e le traverse (almeno quattro). Veniamo alla cronaca della partita: nel Centemero Monza l’allenatore Tommaso Colamaria schiera nello starting-five iniziale Oviedo a difesa della porta, Francesco Compagno, Marti, Zucchetti e Lucas Martinez a disposizione in panchina Filippo Compagno, Julian Martinez, Camporese, Besana e il secondo portiere Piscitelli. Dolce risponde con il solito quintetto Corona, Rossi, De Rinaldis, Borsi, Festa. Forte del 6 a 4 dell’andata Sarzana non segna nel primo tempo e ne becca 2. Partita subito come da copione con i lombardi protesi in avanti alla ricerca del gol, Corona è molto bravo in varie occasioni. Al 6’,20” Monza in vantaggio con Lucas Martinez che realizza un tiro di prima, senza cartellino blu, concesso dagli arbitri portoghesi per un fallo di Festa su Compagno. Sarzana non si scompone e al 13’,22” ha l’occasione per pareggiare. Fallo di Compagno punito con il cartellino blu e tiro di prima a favore della formazione rossonera, si incarica della battuta Sergio Festa ma la sua conclusione non trova la porta. Sulla superiorità numerica un Sarzana sterile anziché trovare il pareggio si fa punire in contropiede, è il solito Lucas Martinez che ruba palla a centro pista e si presenta tutto solo davanti a Corona e lo batte. Sarzana che barcolla e Corona inizia il suo personale show tenendo in partita la formazione di Francesco Dolce che è anche sfortunata quando un alza e schiaccia di Borsi si stampa contro il palo. Si chiude la prima frazione di gioco con il punteggio di 2 a 0 a favore della formazione lombarda parziale con il quale le due squadre vanno al riposo. L’inizio del secondo tempo è ancora di marca lombarda che al 32’53” trovano la terza rete con Julian Martinez che significa eliminazione dei Sarzanesi. Ma non passano neppure due minuti che Borsi trova il sette alla sinistra di Oviedo e riporta in partita i rossoneri. Poi sale in cattedra Corona che dice no ad innumerevoli occasioni da rete dei brianzoli, pericoloso anche Carispezia che per due volte colpisce i montanti della porta difesa da Oviedo e il risultato non cambia più. I supplementari regalano “solo” grosse emozioni ma nessun gol, una traversa di Borsi e tre interventi miracolosi del portiere rossonero. A 55” dal termine del secondo tempo supplementare decimo fallo fischiato al Sarzana che manda al tiro libero lo specialista Lucas Martinez, potrebbe essere la rete che chiude la gara e invece Corona compie l’ennesimo miracolo della serata e para portando la sfida alla lotteria dei rigori. Dopo 14 rigori nei quali il protagonista è Davide Borsi, che sbaglia si la prima opportunità, ma al termine della sequenza dei 5 canonici è scelto come unico tiratore da Francesco Dolce e non sbaglia Zucchetti invece sì e i rossoneri ottengono la qualificazione ai quarti di finale della Coppa Cers.

Ora si ritorna a pensare al Campionato, Il Sarzana è atteso Martedì 17 Gennaio a San Daniele Po alle ore 20,45 contro il Cremona e poi Sabato 21 Gennaio alle 20,45 al Capannino di Follonica contro il Follonica Hockey.