laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

ANTEAS: Creare solidarietà attraverso le arti

Più informazioni su

LA SPEZIA – Alla Spezia si scatena la creatività per una società a misura di tutti e tutte! Anteas La Spezia lancia l’invito a presentare micro-proposte entro il 15 febbraio 2017 per collaborare all’interno del progetto ‘CREARE SOLIDARIETA’ TRA LE GENERAZIONI ATTRAVERSO LE ARTI’. Il progetto ha l’obiettivo di creare spazi di ascolto e apprendimento intergenerazionale nella Provincia della Spezia ed è possibile grazie ai fondi del 5permille. E’ aperto a cittadini, artisti, Scuole, Centri Anziani, Associazioni. Per maggiori informazioni contattare Anteas La Spezia o gilda.esposito@unifi.it

Invito a presentare proposte

L’invito è disponibile all’indirizzo: www.anteasnazionale.it

CREARE SOLIDARIETA’ TRA LE GENERAZIONI ATTRAVERSO LE ARTI

  1. Cos’è

L’Associazione ANTEAS La Spezia pubblica il presente invito a presentare proposte con la seguente finalità:

  1. Finanziare la realizzazione di progetti di innovazione culturale, sociale ed educativa caratterizzati dalla partecipazione di cittadini di tutte le età, creatività e valorizzazione dei saperi e dei patrimoni culturali. I progetti, del valore minimo di 500 ad un valore massimo di 2500 Euro, devono inoltre prevedere la misurazione del loro impatto sociale positivo sulla comunità locale.
  2. favorire la creazione di reti creative tra artisti e cittadini di tutte le età, in particolare negli spazi della Scuola e dei Centri di aggregazione per Anziani, ma non solo.

Con questo invito a presentare proposte ANTEAS promuove la sua vision di società del “NOI”, inclusiva, libera da ogni discriminazione ed a misura di tutte le età. ANTEAS intende così apportare un piccolo contributo allo sviluppo sociale, educativo e culturale nella Provincia della Spezia.

  1. Contesto ed obiettivi dell’invito a presentare proposte

La Provincia della Spezia è caratterizzata da due fenomeni demografici e sociali importanti:

– l’invecchiamento progressivo della popolazione, in particolare femminile (indice di vecchiaia intorno a 241 rispetto alla media italiana del 161)

– il de-giovanimento della popolazione causato in parte dalla diminuzione delle nascite, ma anche dalla scelta dei giovani di abbandonare il territorio per costruire altrove il proprio progetto di vita (ISTAT Liguria 2015; indice di dipendenza strutturale 62.8 rispetto a 55.5 dell’Italia e indice di struttura della popolazione attiva 146.9 rispetto a 132.3 dell’Italia)

Grazie alle donazioni raccolte con il 5 per mille ANTEAS La Spezia intende perseguire nell’annualità 2016/17 due obiettivi strategici:

1) Creare un laboratorio ed incubatore di innovazione sociale sulle pratiche e gli spazi di incontro, contaminazione e solidarietà tra le generazioni, con un’attenzione specifica all’uso di tutte le arti, in particolare, ma non solo, musica, teatro, danza, arti plastiche, artigianato, antichi mestieri, fotografia, videomaking, disegno digitale ed intelligenza corporea in collaborazione con le Scuole, i Centri Anziani, le organizzazioni giovanili, gli artisti ed altre realtà/individui attivi presenti sul territorio del Comune capoluogo.

2) Sviluppare nuove attività e nuova progettazione sulla solidarietà tra le generazioni a partire dalla Scuola nel territorio della Val di Vara, caratterizzato da un’elevatissima percentuale di popolazione anziana (l’indice di vecchiaia è 421. A Sesta Godano l’indice è di 551) e nel quale, nonostante un interessantissimo risveglio dell’economia locale in termini di produzione biologica e turismo sostenibile, è sempre più difficile trattenere i giovani dalle migrazioni verso la città o altri paesi.

VISION

UN TERRITORIO ACCOGLIENTE E CREATIVO, A MISURA DI TUTTE LE GENERAZIONI CHE COLLABORANO CON FIDUCIA E NON LASCIANO NESSUNO SOLO

  1. ANTEAS

ANTEAS lavora da ormai venti anni sul territorio nazionale e nella Provincia della Spezia per sostenere le persone e le famiglie a rischio di abbandono e di esclusione sociale attraverso iniziative di volontariato, di prevenzione e cura e di animazione territoriale. ANTEAS nasce nel 1996 come associazione di area cattolica partecipata da ed indirizzata soprattutto agli anziani ed ai pensionati, ma si trasforma nel tempo in Associazione per tutte le Età Attive, mettendo al centro del suo operare l’attenzione per la solidarietà e l’apprendimento continuo tra le generazioni. ANTEAS si ispira ai principi dell’Unione Europea largamente diffusi a partire dal 2012, “Anno europeo per l’invecchiamento attivo” per costruire dal basso un’Europa inclusiva ed a misura di tutte le generazioni.

ANTEAS è attiva e presente con progetti di invecchiamento attivo nella maggior parte dei 9 Centri Anziani del Comune della Spezia e ha da due anni la gestione del progetto “Buoni Vicini” che in collaborazione con altre Associazione del territorio coltiva e si prende cura di una fitta rete di volontari, i “buoni vicini” appunto, che a loro volto prestano piccoli, ma preziosi, servizi non professionali di cura ad anziani, disabili ed in generale famiglie isolate ed in difficoltà nelle aree del Comune della Spezia e di Lerici.

Dal 2016 ANTEAS partecipa inoltre alla sperimentazione nazionale “Antenne Sociali” realizzata in 19 regioni italiane in collaborazione con il Ministero del Welfare, il Sindacato CISL e l’Università di Bergamo. La Spezia è stata scelta come Comune pilota in Liguria per la sperimentazione, giacché, anche in collaborazione con i Buoni Vicini, si sta sviluppando un progetto simile, “Sensori Sociali – Punto per Te” in collaborazione con il Distretto 18 e la Cooperativa Sociale KCS.

I partner

Il presente progetto ha richiesto il patrocinio del Comune della Spezia e del Comune di Sesta Godano i cui rappresentanti faranno parte del Comitato di Garanzia e di Valutazione del progetto

Destinatari

Possono partecipare e presentare proposte cittadini singoli o associati. Non sono richiesti per l’ammissione a presentare proposte titoli di studio specifici, ma rimane al candidato la responsabilità di dimostrare di avere le competenze, conoscenze e attitudini necessarie, ottenute attraverso percorsi di educazione formale o non formale, per realizzare con ragionevoli probabilità di successo le attività proposte.

Caratteristiche dei progetti richiesti

I progetti ammissibili devono avere:

1) come obiettivo principale: creare e alimentare spazi creativi di solidarietà e apprendimento tra le generazioni

2) come caratteristica indispensabile: operare nel campo delle arti e della creatività umana intese nella loro accezione più ampia: letteratura, poesia, musica, teatro, danza, circo, pittura, artigianato, tecniche e strumenti del passato, cinema, video, fotografia, arti plastiche, performing arts, editoria, filosofia, etc. (la lista non è esaustiva)

3) ogni Progetto, inoltre, deve preferibilmente:

3.1) promuovere la collaborazione con almeno una Scuola (innanzitutto dell’infanzia o primaria, ma saranno accettate se ben motivate anche proposte per la Secondaria di primo e secondo grado), un Servizio per l’infanzia o un’associazione sportiva ed i Centri Anziani o altri luoghi di aggregazione per anziani, ove presenti, attivando e incrementando la capacità di relazione e interazione con soggetti terzi attraverso la costruzione di reti territoriali e reti on-line;

3.2). ricercare forme innovative di progettazione, produzione, distribuzione e fruizione della cultura a misura di tutte le età;

3.3) avere potenzialità di riproducibilità;

3.4) avere un impatto sociale territoriale positivo in termini di cambiamento della mentalità riguardo alla lontananza e incomunicabilità tra le generazioni;

3.5) dimostrare capacità di coinvolgere le comunità di riferimento e i destinatari del Progetto

3.6) considerare nella metodologia proposta i valori dell’equità, dell’uguaglianza, della giustizia di genere e dell’interculturalità.

Si considera un valore aggiunto in termini di sostenibilità futura, ma non una ragione di esclusione, che le attività proposte a finanziamento siano complementari ad altri progetti più grandi già in essere e già finanziati. Si richiede però che i costi imputati per le attività specifiche del progetto presentato ad ANTEAS non siano coperti da nessun altro finanziamento.

Verrà valutata positivamente la proposta di strategie di diffusione dei risultati attraverso il web ed i social network .

Saranno valorizzati in sede di valutazione la progettazione, produzione, gestione e distribuzione dei contenuti che inquadri la cultura come bene comune.

I Progetti verranno valutati da un team di esperti, e sarà data una valutazione più alta ai Progetti che risponderanno al più alto numero di requisiti, fermo restando il principio della qualità generale.

Modalità di partecipazione

I Progetti che presentano le caratteristiche precedentemente illustrate dovranno essere presentati alla sede di ANTEAS o via e-mail agli indirizzi anteas.laspezia@virgilio.it in copia a gilda.esposito@unifi.it e stefaniamartinico@yahoo.it a pena di decadenza, dal 5 dicembre al 15 febbraio 2017[1], compilando una presentazione sintetica del Progetto come descritta qui di seguito e del Soggetto Proponente, con relativi tempi, luoghi e budget. Saranno benvenute anche immagini esplicative o relazioni di attività simili già svolte in passato.

È possibile richiedere il supporto nella progettazione, senza costo alcuno, facendone richiesta scritta alla mail gilda.esposito@unifi.it e stefaniamartinico@yahoo.it durante tutto il periodo di apertura del bando.

FORMAT di presentazione del progetto

  1. a) Presentazione del/i soggetto proponente:

a.1) Breve auto-narrazione di sé di non più di 10 righe

a.2) Curriculum Vitae in qualsiasi formato, ma preferibilmente Europass o versione breve

  1. b) Idea progettuale:

b.1) Descrizione generale

b.2) Arti di riferimento

b.3) Principali attività

b.4) Come alimentare la comunicazione e solidarietà tra le generazioni

b.5) Strategia di comunicazione e diffusione alla comunità locale, anche attraverso il Web ed i Social Network

b.6) Risultati finali

b.7) Sistema di monitoraggio e valutazione dei risultati (es. lista presenze, indicatori numerici di valutazione, etc.) Su questo punto è possibile richiedere l’aiuto della progettazione di ANTEAS

b.8) Scuola/e coinvolta (tipo di Scuola, classe/e, numero di alunni, insegnante di riferimento se sono dati già disponibili)

b.9) Centro Anziani coinvolto: (indirizzo, persona di riferimento)

  1. 10) Altra organizzazione coinvolta (es. centro disabili)
  1. c) Budget:

c.1) Acquisto di beni di consumo per la realizzazione diretta delle attività

c.2) Numero di ore e costo orario dei facilitatori/artisti/educatori

Nel caso si preveda la realizzazione di un evento finale ANTEAS intende collaborare nel pagamento di eventuali costi di affitto ed altri. Non è necessario in questa fase inserire i costi dell’evento finale, se non prevedere i materiali necessari.

  1. d) Tempi e luoghi di realizzazione

Procedure di valutazione

Fase numero 1. Preselezione

Un team di esperti realizzerà una graduatoria di tutte le proposte pervenute sulla base dei criteri sotto riportati

1) Indicazione chiara di Scuola, Centro Anziani o altre organizzazioni coinvolti

2) Valorizzazione delle arti e della creatività nella realizzazione delle attività

Criteri di valutazione e misurazione (massimo 60 punti)

3) Pertinenza del percorso artistico e del CV del/i soggetto/i proponente rispetto ai risultati attesi dal progetto (0-15)

4) Innovatività della proposta rispetto a progetti già realizzati in passato (0-15)

5) Rapporto costi/risultati/qualità (0-15)

6) Potenzialità di impatto delle attività di comunicazione e diffusione alla comunità locale (0-15)

Fase numero 2. Presentazione al Comitato Tecnico della proposta

A tutti i candidati verranno concessi 15 minuti per presentare il loro progetto in data da destinarsi e presso sede che verrà comunicata in seguito a coloro che hanno presentato proposta. I membri del Comitato Tecnico giudicheranno sulla base della stessa griglia di criteri al punto precedente, ma con un’assegnazione di punteggio massima di 10 punti per ciascun item (massimo 40 punti).

Fase numero 3. Votazione del Comitato Tecnico

I membri del Comitato Tecnico sommeranno il punteggio della prima e seconda fase e selezioneranno i primi progetti che hanno superato la soglia minima di 60/100 in ordine decrescente fino ad esaurimento fondi. I risultati finali della selezione saranno pubblicati il giorno stesso della prova orale.

Originalità del progetto (manleve e garanzie)

Con la partecipazione al presente invito a presentare proposte, ogni soggetto proponente dichiara espressamente che il Progetto presentato è originale e non viola in alcun modo, né in tutto né in parte, diritti e/o privative di terzi, manlevando sin d’ora l’associazione ANTEAS i suoi Partner da ogni e qualsivoglia responsabilità, richiesta di risarcimento dei danni e/o sanzione avanzata da terzi al riguardo.

Liberatoria di utilizzo

Con la partecipazione al presente invito a presentare proposte, i soggetti partecipanti autorizzano l’associazione ANTEAS, i Partner e qualsivoglia altro soggetto coinvolto nella realizzazione di tale iniziativa, a pubblicare sul Sito e sulle piattaforme dei Partner una breve descrizione del Progetto, con piena visibilità del suo autore. 

Pagamento della prestazione

Ad ognuno dei soggetti vincitori dell’invito a presentare proposte verranno retribuite le ore di lavoro richieste ed approvate dal Comitato Tecnico per la realizzazione del progetto con un tetto compreso tra un minimo di 500 Euro ed un massimo di 2500 Euro. ANTEAS provvederà al pagamento delle ore effettivamente lavorate e dei materiali tramite modalità da stabilire con ciascun proponente (partita IVA, prestazione occasionale, voucher, etc.) In nessun modo queste costituiranno rapporto di lavoro dipendente e continuato con ANTEAS.

Esclusione

Ogni dichiarazione falsa o incompleta implica l’esclusione immediata del soggetto proponente dal progetto. Sono da considerarsi esclusi dalla selezione i Progetti non presentati entro il termine previsto, presentati in forma parziale o comunque in contrasto con una qualsiasi regola del presente invito a presentare proposte.

Il presente invito a presentare proposte potrebbe subire piccole modifiche, non sostanziali, che non ne cambieranno gli scopi sociali e che verranno comunicate tempestivamente alla cittadinanza.

[1] NB La data ultima di presentazione dell’idea progettuale potrà essere estesa oltre il giorno 15 gennaio.

Più informazioni su