laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Due eventi con Aiccre in Liguria per celebrare la Comunità Economica Europea

Più informazioni su

In occasione del 60esimo anniversario della nascita della CEE la sezione ligure dell’Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa partecipa all’organizzazione di un convegno a Palazzo Tursi e di un incontro al Teatro Instabile.

GENOVA – In occasione del 60esimo anniversario dei Trattati di Roma Aiccre Liguria partecipa all’organizzazione di due iniziative, a Genova, per celebrare la nascita, avvenuta nel 1957, della Comunità Economica Europea.

Il segretario regionale dell’Associazione, Desi Slivar, interviene come moderatore nel dibattito organizzato il 6 marzo, alle ore 17, nel Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi dal titolo “Quale futuro per l’Europa?”.

«L’importanza della data del 25 marzo 1957 è celebrata in questa iniziativa per l’avvio dato allo sviluppo dei rapporti di cooperazione e commerciali tra gli Stati fondatori della CECA (Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio nata nel 1951) – spiega Desi Slivar – per l’abolizione delle dogane, per la costituzione dei Fondi europei e per l’istituzione della Commissione europea».

Introduce il dibattito il segretario di Aiccre Alberto Pandolfo.

Pasquale Baldocci, ambasciatore e componente nel 1957 dell’Ufficio Trattati del Ministero degli Affari Esteri, illustrerà quei giorni storici per la nascita dell’Europa; Pier Virgilio Dastoli, presidente del CIME (Consiglio Italiano del Movimento Europeo), metterà in evidenza le migliori esperienze delle Associazioni e dei movimenti che si impegnano sui temi europei; Daniela Preda dell’Università di Genova, profonda conoscitrice dei Trattati, ricostruirà il percorso di integrazione europea.

Giovedì 9 marzo Desi Slivar e Gabriele Taddeo, membro di Aiccre, saranno fra i relatori dell’incontro organizzato alle ore 10 nel Teatro della “Quinta Praticabile” -Teatro Instabile, in cui verrà ricostruito il percorso dell’Europa “Dai trattati di Roma alla generazione Erasmus”

Più informazioni su