laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Sanità: rinnovata convenzione con il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico

Stanziati 135 mila euro in parte destinati all’acquisto di un kit per le maxi emergenze. 

– Un kit di attrezzature tecniche per intervenire con i soccorsi nelle maxi emergenze come terremoti, valanghe o alluvioni. È il contributo di Regione Liguria per gli “eroi” del Soccorso Alpino e Speleologico regionale intervenuti sia nelle zone terremotate del centro Italia sia a Rigopiano, nei giorni immediatamente successivi alla valanga del 18 gennaio scorso per soccorrere le persone rimaste intrappolate nell’albergo. In quell’emergenza, dalla Liguria partì una squadra di quattro operatori – Tommaso Basilici, Luca Piaggi, Lorenzo Ratti, Andrea Segir – che rimase sul posto per due giorni.

“A questi ragazzi va tutta la nostra riconoscenza – afferma il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti – per l’impegno, l’altissima professionalità e la dedizione dimostrati non solo in quei giorni, in cui tutta l’Italia è rimasta col fiato sospeso, ma anche quotidianamente in ogni situazione di emergenza che si verifica sul nostro territorio”.

Il contributo ‘una tantum’ si inserisce nel rinnovo della convenzione tra la Regione Liguria e il Corpo nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) del Cai-Club Alpino Italiano, con uno stanziamento complessivo di 135 mila euro. Il kit di attrezzature tecniche – tende, brande, sedie, telo pavimento, rimorchio, attrezzi, generatore, smeriglio batteria, torri faro, tavola spinale per estricazione, ponte radio – sarà utilizzato nelle maxi emergenze e consentirà alla squadra di operare in piena autonomia per 48 ore.

“Il nostro ringraziamento va all’attività meritoria di soccorso che questi operatori svolgono ogni giorno – aggiunge la vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale – per salvare vite umane non solo sulle nostre montagne ma, da quest’anno, anche in mare, in base alla nuova convenzione che abbiamo stipulato e che coinvolge anche le Capitanerie di Porto”.