laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Variante di La Spezia, Toto e Anas studiano soluzioni per ridare piena operatività al cantiere

Più informazioni su

La Società costretta a rallentare. Toto: “Pronti a riprendere a pieno regime i lavori e richiamare tutto il personale”.

A causa di problemi tecnici imprevisti e imprevedibili, la società Toto Costruzioni Generali si è vista costretta a rallentare le attività del cantiere della Variante di La Spezia. L’azienda finora ha mantenuto il cantiere in funzione a pieno regime con uno sforzo finanziario importante, anche a tutela delle persone che vi lavorano.

Per ridurre al minimo i tempi di stallo e i costi nella realizzazione dell’opera, la Società ha già presentato le necessarie soluzioni progettuali per il superamento delle problematiche che sono emerse. Si tratta di adeguamenti progettuali indispensabili che sono oggi al vaglio dell’ANAS, sui quali il committente sta lavorando con celerità.

Adeguamenti senza i quali è oggettivamente difficile far proseguire con snellezza i lavori di completamento dell’infrastruttura tanto attesa dalla città.

In particolare la situazione è difficile per alcune delle gallerie, dove le criticità emerse hanno consigliato di sospendere cautelativamente i lavori, in attesa della definizione degli adeguamenti tecnico progettuali.

Problemi emersi non solo nelle gallerie. Sono rallentati, infatti, anche i lavori del viadotto dello svincolo di Melara. Qui la questione è solo amministrativa ed in corso di soluzione. In questo tratto, infatti, i lavori si intersecano con la vicina autostrada, per cui è in fase di definizione una convenzione con il concessionario SALT. Passaggio indispensabile per procedere al completamento dello svincolo.

La Toto CG finora ha mantenuto le attività a pieno regime, svolgendo le attività, in qualche modo, autonome dai diversi impedimenti che hanno bloccato i lavori nelle gallerie e sul viadotto Melara.

Ora la situazione è arrivata ad un punto tale che è necessario adottare soluzioni e interventi capaci di sbloccare tutte le attività, attuando le modifiche tecniche finora individuate, al fine di contenere i costi e i tempi di realizzazione dell’opera.

La Società si è vista costretta a rivedere l’intero assetto organizzativo della Commessa, anche utilizzando lo strumento della Cassa Integrazione Guadagni, con il chiaro obiettivo di tutelare per il futuro gli attuali livelli occupazionali del cantiere di La Spezia. La Toto CG si augura che questo tempo di CIG ordinaria possa essere utile per superare e risolvere tutte quelle criticità, che hanno generato forti rallentamenti. “Siamo pronti a riprendere a pieno ritmo le attività e a rimettere tutto il personale al lavoro per completare con maggiore velocità il progetto della Variante di La Spezia”.

Nei prossimi giorni proseguiremo gli incontri coi responsabili dell’ANAS per trovare migliori soluzioni che possano accelerare i tempi per la ripresa a regime delle attività.

Più informazioni su