laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Carispezia sogna l’impresa Final Four

Più informazioni su

Il Carispezia Sarzana sfida i Portoghesi dell’Hoquei Clube de Turquel nei quarti di finali di Coppa CERS, i rossoneri dopo il 2 a 2 dell’andata hanno la possibilità di conquistare la “final four” della competizione europea. Serata di gala al Centro Polivalente, con una coreografia hollywodiana preparata dalla società con spettacolari giochi di luce che accompagnerà il prepartita, gli atleti delle due squadre e gli arbitri saranno accompagnati in pista dai bambini della scuola hockey rossonera, mentre le tre ragazze del settore giovanile rossonero esibiranno le bandiere delle tre nazioni, poi gli inni nazionali. In città è scoppiata la coppa mania, con vetrine addobbate per l’occasione, Sarzana è una città sui pattini che viaggia in Europa. Il capitano Luca Sterpini ha dichiarato alla vigilia: “per il nostro onore, per l’orgoglio della nostra gente, per la storia della nostra città. Semplicemente la partita” La gara sarà trasmessa in diretta streaming su Cerh tv, collegamento diretto dal sito www.hockeypista.it. (nella foto la formazione del Carispezia Hockey Sarzana durante gli inni a Turquel)

“Dopo l’ottima vittoria contro il Valdagno, che ha profumo di salvezza, con la testa liberi da pensieri ci gettiamo a vivere questo sogno – dichiara il presidente Maurizio Corona  –  abbiamo un appuntamento con la storia affrontiamo il Turquel per passare il terzo turno di Coppa Cers per poi regalare a Sarzana qualcosa d’impensabile, mai accaduta in precedenza in nessuna disciplina della nostra città, la prima in assoluto per la nostra comunità e noi non vogliamo perdere questo appuntamento con la storia e io voglio assolutamente giocare la Final Four di Coppa Cers il 29 e il 30 Aprile continua Corona. Giocheremo contro una squadra Portoghese di cui abbiamo visto nella gara d’andata è meglio diffidare, anche perché gioca nel campionato hockeystico più importante del mondo. Poi il Presidente fa un appello: “voglio il Vecchio Mercato Stracolmo, perché questa non è una serata di hockey come tutte le altre, l’incontro di sabato 11 Marzo è qualcosa di speciale. Sono certo che nella gara contro i portoghesi il nostro pubblico ci spingerà sarà il sesto uomo in pista. Mi aspetto il tutto esaurito per sostenere i nostri ragazzi . Spero e mi auguro che chiunque abbia masticato anche un poco di hockey, e a Sarzana sono molti, non possa mancare a questi quarti di finale di Coppa Cers, l’equivalente dell’ Europa League del calcio. Questa serata è qualcosa di speciale, se solo uno di noi lo avesse detto nel 1993 lo avrebbero considerato pazzo. Io posso garantire – conclude il Presidente – che chiunque verrà al Vecchio Mercato lo faremmo entrare e lo metteremo in condizione di vedere la partita” Francesco Dolce in settimana ha provato diverse soluzioni anche se il quintetto che affronterà la formazione portoghese è top-secret. Parlando della gara il tecnico Viareggino e’ molto esplicitoNon sarà una partita facile anche se la mia squadra sta giocando molto bene. Come ho detto ai ragazzi, non pensiamo al punteggio dell’andata, questi sono Portoghesi se abbassiamo la guardia, ci fanno male, con questo non dobbiamo accampare scuse noi abbiamo il dovere di passare il turno per continuare il nostro cammino in Coppa, questo è certo, e se giochiamo da Sarzana a fine Aprile ci giocheremo la final-four di Coppa Cers”. Due anni consecutivi ai quarti di finale di Coppa Cers Carispezia Sarzana ci ha preso gusto. Il traguardo raggiunto lo scorso anno è stato storico. Quello bissato quest’anno potrebbe assumere connotati ancora più significativi: da leggenda. I rossoneri del presidente Maurizio Corona hanno la possibilità di conquistare la “final four” della competizione europea. Entrare cioè fra le prime quattro società europee che hanno partecipato alla “Cers”: un traguardo che da lustro alla società rossonera, impensabile fino a pochi anni fa. Eppure il sogno potrebbe avverarsi sabato quando il “Polivalente” ospiterà la gara di ritorno dei quarti fra Carispezia e Turquel. Cinquanta minuti in grado di regalare un concentramento di emozioni probabilmente irripetibili. Centrare il traguardo non sarà facile. I portoghesi non sono “morti”. Il pareggio conseguito all’andata (2 a 2) offre, sulla carta, le stesse possibilità ad entrambe di superare il turno. Certo, aver superato indenni la trasferta lusitana concede un minimo vantaggio in più ai giocatori di Dolce. Il Turquel, lontano dal loro palazzetto, ha palesato difficoltà maggiori. Come ad esempio nel turno precedente quando, dopo aver battuto il Walsum 4 a 0 in casa, ha rischiato fortemente in Germania facendosi rimontare fino al 4 a 1. Non sarà facile ma il quintetto rossonero farà di tutto per regalare questa storica finale al suo presidente e ai suoi tifosi. Diamo un occhiata ai nostri avversari: Turquel è un distretto portoghese nel comune di Alcobaça, a pochi chilometri dalla capitale Lisbona, non è molto grande, anzi potremmo definirlo un “paesino” infatti ha soltanto poco più di 4mila abitanti, ma la tradizione hockeystica è enorme. L’Hoquei Clube de Turquel viene fondato nel 1964, subito dopo gli anni d’oro dell’hockey su pista portoghese, grazie alla passione di alcuni ragazzi del luogo, che stanchi dei cattivi risultati della squadra di calcio del Turquel, e sull’onda d’entusiasmo nazionale per lo sport a rotelle, decisero di mettere su una squadra di hockey, ispirando poi le proprie maglie ai colori di quelle degli arbitri della semifinale di Coppa dei Campioni tra Benfica (dei quali erano tifosi) e Tottenham del 1962, anno in cui proprio la squadra di Lisbona si laureò campione d’Europa.

Se parliamo di Hockey portoghese non possiamo non citare un pilastro, e forse il giocatore più forte di tutti i tempi, Antonio Livramento, che per cinque stagioni ha guidato proprio la formazione del Turquel. Nonostante la grande tradizione hockeystica l’ Hoquei Clube de Turquel non è mai riuscito a vincere un trofeo, probabilmente anche a causa delle “super-potenze” hockeystiche portoghesi come Benfica, Porto e Sporting Lisbona, oltre a Barcelos e Oliveirense. Il miglior piazzamento della squadra bianconera nel massimo campionato portoghese è stato un quarto posto nella stagione 1992/1993. Nonostante ciò da ben quattro stagioni accede regolarmente alla Coppa CERS anche se non ha mai partecipato a una Final Four.

Quest’anno la squadra del Turquel sta lottando per la salvezza, impresa non facile, in un campionato dove sette squadre sono in lotta per questo obiettivo e ben tre di esse retrocederanno nella “Segunda Divisão”. Il roster è composto interamente da giocatori portoghesi, compreso l’allenatore, possiamo trovare questa analogia con l’Hockey Sarzana, con tutti giocatori di nazionalità italiana tra le proprie fila. Il quintetto iniziale della squadra lusitana si presenta con Marco Barros “Tuga” tra i pali, portiere d’esperienza; Vasco Luis, il capitano con il numero 9 e l’uomo più pericoloso dei bianconeri, con 15 gol in campionato è il loro miglior marcatore; Pedro Vaz numero 53 ; André Pimenta, numero 24 e secondo miglior marcatore con 8 reti in campionato e Alexandre Marques detto “Xanoca” con il numero 79. Chiudono la squadra Daniel Matias, Francisco Santos, João Silva, Tiago Mateus e il secondo portiere Samuel Santos. Sarà sicuramente una sfida bellissima, alla vigilia si pensava che il fattore casa avrebbe avuto un ruolo determinante, ma il Turquel che ha trovato 11 punti dei suoi 14 tra le mura amiche, si è fatto fermare sul pareggio dalla formazione rossonera, sarà ora Sarzana che dovrà saper sfruttare il Vecchio Mercato nella partita di Sabato 11 Marzo. Si prospetta quindi un’altra sfida da cardiopalma, una di quelle partite a cui Sarzana ci ha abituato, piena di emozioni e colpi di scena, una nuova sfida fra Italia e Portogallo, una sfida da non perdere se si ama l’hockey su pista. Serata di gala al Centro Polivalente, con una coreografia hollywodiana preparata dalla società con spettacolari giochi di luce che accompagnerà il prepartita, gli atleti delle due squadre e gli arbitri saranno accompagnati in pista dai bambini della scuola hockey rossonera, mentre le tre ragazze del settore giovanile rossonero esibiranno le bandiere delle tre nazioni, poi gli inni nazionali. In città è scoppiata la coppa mania, con vetrine addobbate per l’occasione, Sarzana è una città sui pattini che viaggia in Europa. Si gioca Sabato 11 Marzo alle ore 21,00 (20,00 Portoghesi) presso il Centro Polivalente di Sarzana.. Arbitri Sig. Josè Gomez (ESP) – Sig. Alberto Lopez (ESP) ausiliario Sig. Matteo Righetti (IT). La partita sarà trasmessa in diretta streaming su Cerh tv, collegamento diretto dal sito www.hockeypista.it.

Più informazioni su