laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il diciottesimo congresso CISL per ripartire a gonfie vele

Più informazioni su

LA SPEZIA – Si è tenuto presso il salone multimediale di Teleliguriasud il diciottesimo congresso CISL La Spezia dal titolo “Per la persona, per il lavoro”. Erano presenti ospiti di rilievo quali Guido Melley, Banti, Bianchi, Goretta, Costamagna, Raffellini, Ghiglione, Carozza, Millepiedi, Senese, Cidale, Giorgio Bucchioni.

Si è trattato di fare il punto sul percorso intrapreso e gli obiettivi da raggiungere a breve e lungo termine. La relazione del segretario provinciale Antonio Carro è stata molto incisiva ed esaustiva. “La domanda che ci poniamo è la seguente – ha affermato Carro – globalizzazione, digitalizzazione, innovazione, industria 4.0, formazione, senza una più equa e solidale redistribuzione della ricchezza ci porteranno fuori dalla stagnazione che molti economisti prevedono secolare?” Ne è scaturita un’analisi puntuale della situazione europea ed italiana, dove “la classe politica che ha rinunciato da tempo al ruolo di intermediario dei bisogni della società ha fatto in modo che non ci sia ripresa nonostante il Made in Italy funzioni e la filiera enogastronomica sia apprezzata ovunque. In questi anni la Cisl ha messo in campo idee, progetti, accordi che l’hanno vista protagonista per l’attivazione degli ammortizzatori sociali, per la modifica del mercato del lavoro, per la sottoscrizione dell’intesa sulla previdenza, per gli accordi con le controparti imprenditoriali, per la lotta all’evasione fiscale, per la lotta alla privatizzazione delle poste e contro la riforma della Buona scuola, contro i tagli al welfare. Prossimamente la Cisl battaglierà per la crescita e l’equità, agendo sempre con responsabilità e solidarietà mediante il suo modello”.

WhatsApp-Image-2017-03-14-at-08.24

Quindi Carro si è soffermato sulla situazione spezzina dove esiste una forte crisi nel settore edile, dove esiste una sanità fortemente inadeguata, dove l’economia del mare si pone al centro dello sviluppo e dove il polo della difesa è un valore aggiunto. Il turismo poi deve essere la grande opportunità che il territorio deve cogliere, con l’obiettivo della destagionalizzazione. Il porto è una delle più grandi realtà produttive, importante per i lavoratori impiegati e la ricchezza prodotta.Tutte tematiche che nei propositi della CISL andranno affrontate nei prossimi anni per lo sviluppo della città e una migliore vivibilità da parte dei lavoratori.

Simona Pardini

Più informazioni su