laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

La scuola “Anna Frank” della Spezia 4 tappa nazionale del progetto Waste Travel 360°

Più informazioni su

Primo progetto di realtà virtuale nell’economia circolare del rifiuto.

LA SPEZIA – La  scuola  Secondaria di Primo Grado “Anna Frank ISA5”  della Spezia , guidata dalla  professoressa  Grazia Geranio,  rappresenta  la  quarta tappa nazionale di Waste Travel 360°, il primo progetto di realtà virtuale nell’economia circolare. Rifiuti considerati non più come scarti, ma come futura materia prima seconda dagli infiniti usi e di grande valore. Ideato da Ancitel Energia&Ambientecon il supporto tecnico della start up PEARLEYE HD Virtual Tour, e patrocinato da ANCI e Ministero dell’Ambiente, “l’innovativo strumento didattico  – ha spiegato Valentina Casapruma di Ancitel – è entrato   nelle scuole attraverso una campagna itinerante che nell’arco di 9 mesi coinvolgerà più di 10.000 studenti in 40 Comuni italiani.

IMG-20170316-WA0010

Questa mattina i  68 alunni  della hanno scoperto  questo strumento composto da immagini a 360°, navigabili intuitivamente da tutti i dispositivi, che permette ai fruitori di compiere una visita immersiva e interattiva nel mondo dei rifiuti, grazie alla resa grafica e alla qualità delle immagini HD.

IMG-20170316-WA0008

Il Waste Travel 360° permette di interagire direttamente con i materiali, dall’alluminio alla carta, dalle pile all’organico, dai RAEE agli pneumatici.  I  fruitori possono essere dunque parte attiva diventando anche parte integrante dello spazio e accompagnando i rifiuti nel processo di trasformazione e valorizzazione sino ai prodotti finali.

IMG-20170316-WA0011

Per la prima volta  tutti i flussi dei rifiuti sono racchiusi in un unico strumento di comunicazione, non più solo in un’ottica di raccolta differenziata ma di rifiuto che diventa risorsa e questo si chiama proprio economia circolare che è poi l’obiettivo cui il sistema paese è chiamato. «“Waste Travel 360° “- è un progetto innovativo – spiega la dirigente scolastica  Geranio –   che vede coinvolti i giovani  ovvero dall’esigenza di educare i cittadini alla cultura del riciclo, ma che può arrivare lontano grazie ai giovani, testimonial di messaggi positivi a difesa dell’ambiente».

IMG-20170316-WA0009

 Il progetto  prevede ad accelerare il processo di raggiungimento degli obiettivi di legge stabiliti dall’Unione Europea: entro il 2050 niente sarà più destinato allo scarto e ogni oggetto verrà riutilizzato e avviato al riciclo. 

Claudia Verzani

 

Più informazioni su