laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

La UIL chiede un confronto pubblico ai candidati a Sindaco

Più informazioni su

LA SPEZIA – In vista delle prossime elezioni Amministrative la CST UIL  ha redatto un documento con l’intento di porre l’attenzione su alcuni temi strategici che riguardano il futuro di questa città . La stesura di questo documento vuole essere un contributo al nuovo Sindaco e alla Giunta che lo affiancherà per fornirgli una sorta di “agenda” con priorità e criticità che in questi anni la nostra organizzazione sindacale ha messo a fuoco nel continuo confronto con la città nelle sue varie articolazioni economiche e sociali  (il mondo del lavoro, dei giovani, dell’imprenditoria, dell’economia, del terzo settore ecc.) Una agenda che nasce da una attenta lettura di quelli che sono i problemi che affliggono questa città: Polo della Difesa, Sanità e nuovo Ospedale, Infrastrutture, sviluppo del Porto, una nuova politica sulla gestione dell’energia solo per citarne alcuni.

Abbiamo bisogno di risposte puntuali con tempi certi e modalità di attuazione di progetti e strategie a lungo termine che possano creare condizioni di sviluppo, opportunità di lavoro e rispetto del territorio.  Visione, strategia e organizzazione, queste le parole d’ordine che la CST UIL chiede al futuro Sindaco.

Sono infatti ancora troppe la risposte inevase o peggio le situazioni irrisolte che generano e alimentano un clima di incertezza  che allontana la gente dalla politica e dal mondo sindacale. Noi non vogliamo perdere  una credibilitàconquistata con anni di lotte e tutela dei lavoratori e per questi motivi  chiameremo i vari candidati per un confronto pubblico in modo tale che i candidati possano assumersi con precisione impegni per la realizzazione dei punti più qualificanti.

In questo modo potremmo veramente verificare la rispondenza fra gli impegni assunti in campagna elettorale e la loro concreta realizzazione durante il mandato.

Si potrebbero fare molti esempi su come determinate infrastrutture o la realizzazione di validi progetti che possano contribuire ad un armonico sviluppo economico di un territorio e come tutto ciò rischia sempre di venire vanificato se viene meno, da parte degli amministratori, sia il coraggio della scelta sia la concertazione con le parti sociali al fine di recuperare quella funzione programmatoria indispensabile per un buon governo del territorio.

Più informazioni su