laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Seconda rassegna cineforum ACIT

Più informazioni su

LA SPEZIA – Mentre prosegue presso la sede ACIT il seminario di lettura filmica dedicato a Leni Riefenstahl, mercoledì 22 marzo alle 17 presso il cinema “Il Nuovo” avrà inizio una seconda rassegna a cura della Cineteca del Goethe-Institut di Roma, dal titolo “Hollywood è lontana – Film, storie e protagonisti sotto il cielo europeo”. Verrà proiettato “Er ist wieder da” (Lui è tornato), Germania 2015. Un’occasione di rivedere in versione originale sottotitolata in italiano il fortunato film di David Wnendt, che ha riproposto in modo originale i temi sempre attuali della memoria e dell’uso dei mezzi mediatici. Presenterà il film Giordano Giannini. Ingresso libero.

Si dice che la Hollywood classica sia stata inventata dagli europei, ma i film del vecchio e del nuovo continente sembrano ora più distanti che mai. Raccontare la realtà nelle sue tante sfaccettature e senza ipocrisie resta la forza del cinema europeo di oggi, al centro della rassegna “Hollywood è lontana – Film, storie e protagonisti sotto il cielo europeo”. Attraverso una serie di titoli (quali “We are young. We are strong” di Burhan Qurbani del 2014, “Kaddish per un amico” di Leo Khasin del 2011, “Adopted” di Gudrun F. Widlok del 2010) si compone l’affresco di un’epoca di incertezza ma anche di grandi opportunità, in cui i temi chiave dell’immigrazione e della società multietnica sono spesso affrontati proprio da registi tedeschi di origine straniera e declinati nei generi più diversi, dal dramma alla commedia fino al road movie. Oltre ai film di finzione sono i documentari a svolgere un ruolo chiave nel descrivere le dinamiche sociali in atto, documentari a volte ironici, a volte tragici, ma sempre capaci di un punto di vista non banale, nonché di registrare quel disagio crescente che ha investito il vecchio continente. È l’Europa stessa, infatti, a essere in crisi d’identità, una crisi che va ben al di là del dibattito sulle politiche di accoglienza. Insomma, se Hollywood è lontana, c’è comunque da sperare che l’Europa resti vicina, agli europei di oggi, di ieri e di domani.

 

Più informazioni su