laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

“Concerti a Teatro” presenta “La Passion d’Adonis” del compositore libanese Zad Moultaka

Più informazioni su

Venerdì 24 marzo, Teatro Civico della Spezia. Anticipa il concerto l’incontro con il compositore giovedì 23 marzo a Spazio 32

LA SPEZIA – La musica e la poesia del Medioriente sono le protagoniste del prossimo appuntamento della rassegna “Concerti a Teatro” promossa dalla Fondazione Carispezia, che venerdì 24 marzo (ore 21) presenterà “La Passion d’Adonis”, uno spettacolo del compositore franco-libanese Zad Moultaka ispirato all’opera del poeta Adonis, tra i massimi esponenti della poesia araba contemporanea. Ad eseguire “La Passion d’Adonis” sul palco del Teatro Civico della Spezia sarà l’Ensemble Mezwej fondato da Moultaka nel 2004 e formato da Amel Brahim-Djelloul, soprano, Rachid Brahim-Djelloul, violino, Henri Agnel, oud e Claudio Bettinelli, percussioni.

Zad Moultaka – che rappresenterà il Libano alla prossima 57° Biennale d’Arte di Venezia – è assai noto negli ambienti artistici internazionali e da anni prosegue una personale ricerca sui linguaggi plastici e musicali. Per comporre “La Passion d’Adonis” si ispira al testo “Al Kitab” (“Il Libro”) del poeta e filosofo siriano Ali Ahmed Saïd Esber, conosciuto come Adonis: un viaggio visionario attraverso la storia araba dalla fondazione del califfato dopo la morte del profeta Maometto (VII secolo d.C.) fino alla metà del X secolo. Moultaka si propone di restituire la potenza e il fascino della parola araba inserendola in un tessuto musicale contemporaneo: strumenti orientali (violino, oud, percussioni), linguaggio, sonorità, tutto è argomento di interrogazione, sperimentazione e creazione, e occasione anche per riflettere sulla modernità araba e trovare la sua attualità dal passato, così diverso dal presente. L’intreccio della voce del poeta, riprodotta attraverso nastri registrati, con la voce nuda della cantante – la talentuosa soprano Amel Brahim-Djelloul –  o con quella degli strumenti dà origine a una musica che si dispiega grazie a un gioco di apparizioni e sparizioni dei musicisti sulla scena.

Il giorno precedente, giovedì 23 marzo alle ore 18, Zad Moultaka sarà protagonista del primo degli Incontri musicali della stagione, presso lo Spazio 32 – biblioteca della Fondazione situata in Via D. Chiodo 32 alla Spezia – per approfondire le tematiche del suo lavoro di artista e compositore e avvicinare il pubblico all’opera “La Passion d’Adonis”. L’incontro, a ingresso libero, si terrà in lingua italiana. Per i possessori della card di Spazio 32 è prevista la riduzione sul prezzo del biglietto del concerto al Teatro Civico.

Zad Moultaka, compositore e artista figurativo nato in Libano nel 1967, unisce nel suo lavoro i fondamenti della scrittura contemporanea occidentale e il carattere specifico della musica araba. A partire dal 2003, la sua ricerca lo ha portato a comporre una serie di opere la cui produzione si è progressivamente amplificata: dalla musica corale alla musica da camera, dalla musica vocale da solista all’opera, dall’elettroacustica a colonne sonore per installazioni e coreografie. Attualmente in residenza artistica all’IRCAM – Institut de Recherche et Coordination Acoustique/Musique e all’Institut du Monde Arabe di Parigi, ha stabilito collaborazioni musicali con numerosi artisti in tutto il mondo.

Amel Brahim-Djelloul, soprano, è riconosciuta come una delle personalità d’eccezione nell’ambito lirico a livello europeo. Laureata al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Parigi, si esibisce in ruoli di protagonista nei teatri più prestigiosi del mondo e insieme a importanti orchestre e ensemble internazionali.

Rachid Brahim-Djelloul, violinista, musicologo e direttore artistico dell’ensemble Amedyez, si dedica sia alla musica classica sia a quella tradizionale e popolare, con particolare attenzione alla musica mediterranea.

Nato in Marocco da una famiglia di musicisti, dopo gli studi di chitarra e mandolino classici Henri Agnel si è specializzato in strumenti a corda e percussioni di tutto il mondo tra cui l’oud, la cetra, il rebec arabo, lo zarb iraniano e altri ancora.

Claudio Bettinelli, percussionista, ha completato gli studi al Conservatorio Nazionale Superiore di musica di Lione. Il suo repertorio eclettico si estende dalla musica classica a quella contemporanea, dalla musica di teatro all’improvvisazione e alla musica elettronica.

La Stagione 2016/2017 di “Concerti a Teatro” proseguirà fino ad aprile con due ulteriori concerti e con gli “Incontri Musicali”: occasioni di ascolto, confronto e approfondimento della cultura musicale che arricchiscono il cartellone.

I biglietti per i singoli concerti sono acquistabili presso la biglietteria del Teatro Civico (via Fazio 45 e via Carpenino, La Spezia – tel. 0187 757075 – lunedì-sabato dalle 8.30 alle 12.00 / mercoledì dalle 16.00 alle 19.00) e online su www.vivaticket.it.

Per informazioni e il programma completo della rassegna “Concerti a Teatro”: www.fondazionecarispezia.it / 0187 258617.

Più informazioni su