laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Carispezia si salva in anticipo e ora punta diritto verso i play-off

Più informazioni su

L’ottavo “scudetto” rossonero è cosa fatta. Il Carispezia Hockey Sarzana conquista i punti necessari per la permanenza in serie A1 in una stagione che deve ancora regalare ai rossoneri l’emozione delle finali di Coppa Cers che si disputeranno a Viareggio il 28-29 Aprile e uno spiraglio per entrare nelle prime otto classificate del torneo che danno diritto ai play-off. Una vittoria netta e fortemente voluta dai ragazzi di mister Francesco Dolce. (nella foto Francesco Rossi autore di una tripletta di pregevole fattura).

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA – FAIZANE’ LANARO BREGANZE 8 – 5  (4 – 2)

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA : Corona (Perroni), Pauletta, Festa (2), Rossi (3), Sterpini, Di Donato, Dolce, De Rinaldis (2), Borsi (1). Allenatore Francesco Dolce.

FAIZANE’ LANARO BREGANZE : Sgaria (Mabilia), D’Anna, Cocco (3), Zen, Gimenez (2), Posito, Dal Santo, Costenaro, Oriol Vives. Allenatore Massimo Belligio

Arbitri: Sig. Molli (LU) – Sig. Di Domenico (RE) ausiliario Sig. Righetti (SP)

L’ ottavo “scudetto” rossonero è cosa fatta. Il Carispezia Hockey Sarzana conquista i punti necessari per la permanenza in serie A1 in una stagione che deve ancora regalare ai rossoneri l’emozione delle finali di Coppa Cers che si disputeranno a Viareggio il 28-29 Aprile e uno spiraglio per entrare nelle prime otto classificate del torneo che danno diritto ai play-off. Una vittoria netta e fortemente voluta dai ragazzi di mister Francesco Dolce quella contro il Breganze che dopo un primo tempo combattuto e chiuso in vantaggio 4 a 2 hanno dominato gran parte della ripresa fino a portarsi sul risultato di 8 a 2 grazie alle reti di Festa in apertura, doppietta di De Rinaldis e ancora Rossi autore di una tripletta finale. Poi il calo e il rientro in gioco degli avversari che hanno tentato la rimonta fermandosi però sull’ 8 a 5. “Ora passo passo ci poniamo degli obiettivi nuovi, la salvezza l’abbiamo conquistata, il discorso play off non è ancora chiuso quindi ce la vogliamo giocare sino in fondo e prepararci bene per la final-four di Coppa Cers, arrivare mentalmente belli carichi per dare del filo da torcere ai campioni del Barcelos che sono sicuramente più forti di noi però hanno due braccia e due gambe come noi commenta il tecnico Francesco Dolce a fine partita – Stasera siamo entrati in pista bene con la mentalità giusta, abbiamo preso un gol, abbiamo continuato a giocare tranquillamente con la testa come abbiamo fatto a Trissino, se continuiamo così, se giochiamo da Sarzana è difficile per tutti giocare contro di noi, dobbiamo passo passo cominciare a capire quali sono i nostri mezzi e migliorarci sempre un pochino di più” Il Presidente Corona non sta più nella pelle: “ intanto abbiamo vinto il nostro ottavo scudetto, ed Io ancora mi ripeto  che ci sono obiettivi che possono sembrare minori ed invece sono di vitale importanza nella vita di una società: una salvezza può valere uno scudetto? A volte vale molto di più, se questa salvezza è il frutto di un lavoro di anni e di una programmazione volti al futuro dell’hockey a Sarzana. Avevo visto i ragazzi in palla tutta la settimana – continua il Presidente – sono veramente soddisfatto per i tre punti conquistati questa sera, continuiamo a dare prova di maturità siamo stati sotto per uno a zero e non ci siamo disuniti avremmo potuto essere travolti dai Breganzesi che sono una grandissima squadra. Anche questa sera – continua il Presidente – ha vinto il gruppo, perchè se non hai un grande gruppo non vinci contro Valdagno, Trissino in trasferta e Breganze. Dobbiamo continuare a lavorare a testa bassa, ora abbiamo alzato l’asticella, ora dobbiamo conquistare sei punti nelle prossime due partite e guardare i risultati dalle altre piste. Se arrivassero anche i Play-Off sarebbe la stagione più bella di sempre”. Ma veniamo alla gara Massimo Belligio, schiera il suo starting-five titolare con Dal Santo insieme a Cocco e alla coppia d’attacco formata dal “bomber” Gimenez e Posito con Sgaria alla difesa della porta e a disposizione Oriol Vives, D’Anna, Zen, Costenaro e il secondo portiere Mabilia. Dolce risponde con Corona tra i pali, Rossi, De Rinaldis, Borsi e Festa. Per la cronaca, partita da subito molto bella. L’avvio di gara è favorevole al Breganze che al 6’,26” con Gimenez sfrutta un rimpallo e si presenta tutto solo davanti a Corona e mette la palla in rete per il vantaggio Breganzese. Non passa neppure un minuto che Festa pareggia, l’attaccante Materano parte dalla propria aerea, salta come birilli i difensori Veneti e batte Sgaria con un tiro incrociato che si infila alla sinistra della porta. All’ 8’,59” Carispezia in vantaggio, Borsi si beve mezza difesa Veneta e di forza batte Sgaria. Al 15’,34” ingenuità di Borsi che si fa soffiare la palla da Cocco, il capitano del Breganze si presenta tutto solo davanti a Corona e mette la sfera in rete per il parziale di 2 a 2. Sale alla ribalta Chicco Rossi che firma il 3 a 2 al 16’,29” e pochi secondi dopo ancora con una botta dalla distanza fotocopia della prima il 4 a 2. Ancora conclusioni da una parte e dall’altra con i portieri sugli scudi sino al suono della sirena che manda le squadre al riposo con il risultato di 4 a 2 a favore della formazione di Francesco Dolce. Tantissime reti nel secondo tempo dopo 2’,09” Cocco aggancia Festa, cartellino blu per il capitano Veneto e tiro di prima, si incarica della battuta Festa che con un pregevole alza e schiaccia batte Sgaria. Breganze che barcolla e al 28’,21” combinazione Dolce-Festa-De Rinaldis con quest’ultimo che mette in rete la palla del 5 a 2. Al 29’, 50” fallo non grave di Borsi su Posito lanciato a rete, punito dall’arbitro Molli con un tiro di prima a favore dei Breganzesi. Si incarica della battuta Gimenez ma Corona si supera e respinge. Al 34’,50” altro tiro di prima per il Sarzana e cartellino blu a Dal Santo. Si incarica della battuta Festa che con un’altra magia colpisce la traversa e poi sulla ribattuta mette la palla in rete, ma i direttori di gara annullano per una presunta mazza alta. Nel power play susseguente al 35’,34” De Rinaldis è bravo a girare in rete un delizioso assist di Borsi. Sarzana scatenata che neppure un minuto dopo trova l’ottava rete con Rossi che finalizza in rete un magistrale contropiede orchestrato da Festa. Al 37’,24” Cocco realizza un rigore concesso per un fallo di Borsi su D’Anna. Cocco è ancora letale al 39’,11” su una altro rigore concesso dagli arbitri per un fallo di mano in area di Rossi. Poco dopo infortunio a Cocco che deve uscire in barella, per lui sospetta frattura al perone. Al 45’,26” decimo fallo rossonero, e tiro di prima concesso alla formazione del Breganze, si incarica della battuta Gimenez ma Corona para, lo stesso Gimenez è bravo a riprendere la respinta, eludere il rientro di Dolce e mettere la sfera alle spalle di Corona. C’è ancora il tempo per due tiri di prima concessi ai padroni di casa ma in entrambi i casi Festa è sfortunato e non trova la rete. Negli ultimi secondi il pubblico del Vecchio Mercato è tutto in piedi ad accompagnare i suoi eroi al suono della sirena e poi decreta il giusto tributo alla squadra di Francesco Dolce che ha conquistato la salvezza e ora strizza un occhiolino ai play-off.

Prossimo incontro Sabato 1 Aprile al Vecchio Mercato alle ore 20,45 contro l’ AFP Giovinazzo.

Più informazioni su