laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Sara Accorsi lascia: l’assessorato al commercio, turismo e cultura passa a Nicola Caprioni

Più informazioni su

SARZANA – Ha scelto di dimettersi per questioni personali legate ai suoi impegni lavorativi. Sara Accorsi, assessore al commercio, turismo e cultura lascia dopo quasi quattro anni passati alla guida di uno degli assessorati più importanti dell’Amministrazione sarzanese. Stamani ha formalmente rassegnato le dimissioni, motivandole di suo pugno in una lettera (vedi allegato).

Al suo posto il sindaco Alessio Cavarra ha scelto di nominare Nicola Caprioni, uomo d’esperienza che ben conosce le dinamiche del settore e che di recente ha aderito a Campo Progressista, il movimento di Giuliano Pisapia che si propone di unire la sinistra. Un curriculum importante quello di Caprioni che, negli anni, ha ricoprerto incarichi di rilievo tra cui quello di direttore provinciale di CNA-La Spezia, direttore provinciale di CNA Genova quindi di direttore regionale di CNA Liguria per venti anni. In precedenza è stato presidente della Camera di Commercio Italia in Francia oltre ad aver ricoperto incarichi in vari consigli di amministrazione fra cui Filse e il consiglio ligure di Banca Unicredit. “A un anno dal voto- spiega la scelta il sindaco Cavarra- c’era la necessità di una figura d’esperienza che ben conoscesse le necessità e le dinamiche dei settori commercio e turismo. Ho scelto Nicola Caprioni per il suo curriculum e perché sono certo che saprà entrare subito a pieno ritmo nei meccanismi dell’Amministrazione comunale. Al tempo stesso la sua decione di aderire al progetto di Pisapia ci consente di allargare la maggioranza ad una forza di sinistra che con ogni probabilità arricchirà la nostra visione e progettualità politica”.

Dal canto suo Nicola Caprioni si dice ulteriormente stimolato dal nuovo incarico di amministratore a cui è stato appena chiamato: “Solo poche ore fa- spiega Caprioni- ho formalizzato la mia adesione a Campo Progressista accettando di esserne il referente locale perché ritengo che sia giunto il momento di fare politica attiva perché nel nostro Paese c’è bisogno di una forza politica di stampo socialista, laica e con una forte carica riformista che sappia unire e non dividere. Oggi l’impegno di assessore è una sfida che raccolgo volentieri e che porterò avanti con massimo impegno nel rispetto di quanto fatto da chi mi ha preceduto”.

Nei prossimi giorni è prevista una conferenza stampa di presentazione del neo- assessore

La lettera di di dimissioni di Sara Accorsi:

Accorsi: “Mi dimetto dopo aver portato a termine il programma di governo del mio assessorato per motivazioni personali legate al mio lavoro”

 SARZANA – “Ho deciso di dimettermi dalla carica di assessore dopo aver portato a termine il programma di governo del mio settore perché motivazioni personali , legate al mio lavoro, mi portano a non poter più garantire la presenza e la disponibilità necessaria a svolgere al meglio questo delicato incarico. Non verrà certamente meno il mio sostegno a questa amministrazione e alla squadra di cui ho fatto orgogliosamente parte per quasi 4 anni e ribadisco, pertanto, la mia appartenenza alla lista civica che ha sostenuto la candidatura di Alessio Cavarra e nella quale continuerò ad impegnarmi.

Sono stati 4 anni di lavoro molto intenso su diverse partite relative alle deleghe che ho ricoperto e posso dire che gran parte di questo lavoro ha già portato risultati importanti per la città. Dal rinnovato dialogo con le associazioni culturali a seguito della nascita del coordinamento, all’impulso in termini di fruizione che abbiamo garantito alle nostre Fortezze, ai tanti eventi che abbiamo tenuto a battesimo e alla valorizzazione delle manifestazioni storiche che contraddistinguono l’offerta culturale della nostra città. Da ultimo, non certo per importanza, il piano del commercio, arrivato in commissione dopo due anni di tavoli e discussioni con tutti i portatori di interesse. Un iter complesso, portato a compimento, al quale ho dedicato molte energie. Vorrei che questa mia decisione, dettata, lo ripeto, esclusivamente da motivazioni di carattere personale, non venga in alcun modo strumentalizzata politicamente poiché di politico non c’è proprio nulla. Mi muove il senso di responsabilità verso la città e l’amministrazione e la consapevolezza della necessità di una presenza continuativa in questi mesi che ci separano dalla fine della legislatura che, purtroppo, ad oggi non posso più assicurare.

Non accetterò, pertanto, che questa scelta venga utilizzata in alcun modo per finalità che nulla hanno a che vedere con la sua genesi.

Voglio cogliere l’occasione per ringraziare di cuore tutti i dipendenti comunali con cui ho avuto l’onore di collaborare in questi anni, i colleghi della giunta e, soprattutto il sindaco che è stato per me una guida autorevole pur nell’autonomia e fiducia che ha sempre saputo accordarmi. Si chiude per me un’esperienza positiva da cui ho imparato molto ma non viene certo meno il mio impegno

Più informazioni su