laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

“Il Re Tarantola” @ Bacchus

Più informazioni su

LA SPEZIA – Venerdì 31 marzo l’osteria Bacchus propone l’ultimo appuntamento della rassegna “Assolo” iniziativa dedicata ai progetti solisti, ospite IL RE TARANTOLA , un cantautore alternativo di Darfo B.t. (Bs), che caratterizza i suoi lavori da testi ironici, brillanti e “dal raro dono dell’istintivo, istintivamente fresco, autentico, appiccicoso – in senso buono – Pop” (cit. Rockit).

Perennemente in tour, conta circa 150 concerti alle spalle, alcuni dei quali dividendo il palco con: Caparezza, Tre allegri ragazzi morti, Marta sui tubi (a Berlino), Simone Cristicchi, I Cani, Il pan del diavolo, Giovanni Cacioppo (comico di Zelig), Frank Turner, Dimartino, Aucan, Ezra Furman, The Cyborgs e molti altri tra i migliori gruppi alternativi italiani.
Il re tarantola si fa conoscere al pubblico ufficialmente nel dicembre 2011 con l’uscita del suo primo disco “Il nostro amore sa di tabacco” pubblicato sotto il nome di
Il re tarantola ed Emma filtrino (l’allora sua compagna che lo seguiva alle percussioni dal vivo)

Il disco, registrato in casa da Manuel Bonzi, apprezzatissimo dalla critica (vedi sotto il paragrafo “Riconoscimenti e partecipazioni”),diventa subito un piccolo caso della scena alternativa italiana ed Il re tarantola ed Emma filtrino diventano da lì a poco, una delle band più rappresentative del lo-fi italiano tanto che Rockit in uno speciale sui “diversi modi di registrare” un disco, intervista Il re tarantola prendendolo come esempio di“band che si registra in autonomia”.

L’album da l’occasione alla band di farsi di esibirsi in tantissimi concerti in tutta Italia, tra cui spicca la sopracitata apertura al concerto di Caparezza alla Festa di Radio Onda d’Urto di Brescia, davanti a circa 10000 persone e permette al duo di allargare progressivamente la sua fanbase.

A marzo 2014 viene pubblicato il secondo disco “Il nostro tabacco sa d’amore”, questa volta sotto la firma solamente di Il re tarantola, che da allora ad oggi, nei concerti si esibirà semprein duo, accompagnato da vari batteristi, o da solo chitarra/voce in una sorta di concerto/cabaret

L’album, registrato di nuovo in completa autonomia da Manuel Bonzi, conferma l’apprezzamento della critica (vedi di nuovo i paragrafi “Riconoscimenti e partecipazioni” e “recensioni” sotto ) e del pubblico nei confronti dell’artista, consolida l’ormai rodata attività concertistica della Crew del Re tarantola e incrementa notevolmente il numero di estimatori del Re Tarantola sparsi per tutta Italia.

Durante questo tour è da ricordare il primo bellissimo concerto de Il re tarantola all’estero, al “Marie-Antoinette” di Berlino, in apertura ai Marta sui tubi.

Il progetto intanto continua a partecipare, come per l’album precedente, a varie compilation, promosse da fanzine, webzine, locali ecc…

Nel febbraio 2016 esce l’EP “L’artista irrimediabilmente nella merda”, prodotto da Pietro Paletti (Sugar music), che segna un piccolo cambiamento nel sound del cantautore, che abbandona per ora il lo-fi, per sperimentare un sound diverso, riuscendo però a non snaturare lo stile, firma e l’immaginario del progetto.

L’EP è valso al Re tarantola molte menzioni come “Artista della settima” ecc.. e ha portato il progetto ad esibirsi in oltre 30 concerti, per eventi sempre più grossi, toccando anche le isole, come il mini-tour in Sardegna, conclusosi con l’esibizione al festival Rockinbidda di Luras (Ot) dividendo il palco con i Tre allegri ragazzi morti, e suonando in alcuni dei locali più importanti d’Italia come il Circolo Magnolia di Milano, dividendo il palco l’indie-Rocker di Chicago Ezra Furman, e il festivalCamignonissima di Camignone (Bs) dove Il re tarantola si è esibito da solo chitarra/voce in uno show molto apprezzato, che ha aperto lo spettacolo di Giovanni Cacioppo (comico di Zelig ecc..)

Nei prossimi mesi si prevede di continuare in maniera intensiva l’attività live per circa un anno, prima di dedicarsi alla scrittura del nuovo album.

Più informazioni su