laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’ avversaria – Verona: la giostra è tornata a danzare

Più informazioni su

Dopo un inizio 2017 non all’altezza degli obiettivi, gli scaligeri di Pecchia, trascinati da un sempre più decisivo Pazzini, sembrano tornati ai fasti d’inizio stagione. L’obiettivo è la promozione diretta. 

LA SPEZIA – Inutile negarlo, l’inizio straripante aveva un pochino illuso tutti a Verona e non solo: una serie B di passaggio, gioco sfavillante, vittorie su vittorie e semplice attesa della matematica certezza del ritorno in A.

E invece il campionato cadetto è riuscito persino ad ingabbiare quella che sembrava una strapotenza imbattibile. Certo, fossimo oggi alla quarantaduesima giornata la squadra di Pecchia sarebbe seconda e dunque promossa, ma quanta fatica.

Dopo un girone d’andata senza rivali, difatti, le assenze di Pazzini e un’involuzione di gioco e risultati hanno riaperto i discorsi, con le incognite Frosinone e Spal pronte a guastare i piani dei veneti.

Riconquistata la vittoria dopo un mese di soli pareggi, gli scaligeri sembrano tornati ad avere quella fiducia necessaria per lanciare l’assalto finale ed evitare la trappola play off.

Sulla carta non ci sarebbero dubbi, anche se, nonostante una rosa che può vantare giocatori d’altra categoria, è bene utilizzare il condizionale: non tanto i nomi fanno la differenza, quanto il ritmo messo in campo dal primo al novantesimo minuto.

Una conditio sine qua non che Pecchia sembra aver compreso bene, infondendo cattiveria ai propri uomini e riaggiustando una difesa che nelle ultime uscite aveva subito troppi gol. 

Andrea Licari

 

Più informazioni su