laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Problemi degli autotrasportatori all’ingresso del porto della Spezia

Più informazioni su

CNA Fita e Confartigianato Trasporti.

LA SPEZIA – “Malgrado gli incontri avvenuti fatti tra le parti nelle sedi più appropriate con l’Autorità di Sistema  Portuale e La Spezia Container Terminal e la minaccia di fermo degli autotrasportatori dell’estate dello scorso anno, le difficoltà degli autotrasportatori persistono e da alcuni mesi la situazione è degenerata.

Le promesse non sono state mantenute ed ogni mattina gli autotrasportatori trovano diversi Gates chiusi e sono costretti ad affrontare dalle due alle tre ore di coda prima di riuscire ad entrare nell’area portuale.

La situazione, dunque, non si è risolta, ed anzi si è aggravata a seguito dell’afflusso straordinario e non previsto di movimentazioni merci provenienti da Gioia Tauro e dalla Spagna.

Ai tavoli di confronto con l’Autorità di Sistema Portuale, LSCT e Contrepair sono state riportate più volte tali problematiche ed è stato richiesto da Cna Fita e Confartigianato Trasporti di far funzionare i gates a pieno ritmo dalla mattina alle 6 per supportare  l’aumento imprevisto di  lavoro.

E’ stato richiesto un incontro con il Prefetto al fine di sollecitare soluzioni rapide contro il rischio dell’aumento dell’esasperazione degli autotrasportatori.  Dopo ore di  sosta forzata la rabbia diventa

sconforto visto che il tempo è denaro anche per i mezzi su ruota, e non solo, il fatto di dover impiegare troppe ore per l’attesa delle operazioni di carico e scarico porta gli autisti a consumare così inattivamente le ore di guida e di lavoro a disposizione,  rischiando anche sanzioni in caso di verifica da parte degli organi di controllo.

Siamo tutti consapevoli delle difficoltà e dei limiti infrastrutturali dell’area portuale, – concludono le associazioni di categoria – ma manteniamo la speranza che si possano condividere soluzioni, così come è stato fatto tramite la creazione di una corsia preferenziale per i vuoti in uscita lo scorso autunno, che ha mitigato tale aspetto altrettanto problematico”.

Più informazioni su