laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Ufficio delle Dogane e Guardia di Finanza della Spezia sequestrano prodotti contraffatti e non sicuri

Più informazioni su

LA SPEZIA – In esito ad una intensa attività di analisi inerente i flussi merceologici provenienti dall’Estremo Oriente e dichiarati per l’importazione presso gli scali marittimi nazionali, funzionari dell’Ufficio delle Dogane e militari del Gruppo Guardia di Finanza della Spezia, hanno attenzionato la posizione di una società operante nel settore della produzione e vendita di abbigliamento ed accessori per la casa, di cui è legale rappresentante un soggetto già in precedenza denunciato per reati di contraffazione e ricettazione.

L’accesso amministrativo operato presso i punti vendita della ditta, ha portato al sequestro di 27 paia di calzature di sicurezza prive di idonea marcatura CE e di 176 confezioni di stick di incensi (profumi per ambienti) rivelatesi pericolosi per il rilascio, in fase di combustione, di sostanze cancerogene ed irritanti per le vie respiratorie.

Durante le operazioni sono stati rinvenuti anche alcuni prodotti contraffatti e, quindi, dopo aver dato debita notizia del ritrovamento alla Procura della Repubblica, si è proceduto alla perquisizione dei punti vendita, ubicati in diverse province, che hanno portato al sequestro di 51 joystick contraffatti per Play Station, 5 paia di calzature contraffatte a marchio Guess, 10 borse e portafogli contraffatti a marchio Michael Kors, 3 portafogli contraffatti a marchio Miu Miu, 4 paia di pantaloni contraffatti a marchio Guess, 26 paia di calzature contraffatte a marchio Adidas e 5 paia di calzature contraffatte a marchio Guccio Gucci, 4 occhiali contraffatti a marchio Guccio Gucci, 6 occhiali contraffatti a marchio Chanel, 35 cinture contraffatte a marchio Giorgio Armani.

Il legale rappresentante della società perquisita è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per violazione degli artt. 474 c. 2 (detenzione a fini di vendita di prodotti contraffatti) e 648 C.P. (ricettazione) e nei suoi confronti è stata contestata, in relazione ai prodotti non sicuri di cui è stato trovato nel possesso, una violazione amministrativa punita con una sanzione pecuniaria di importo pari ad oltre 25.000 Euro.

Più informazioni su