laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il futuro dell’Europa è l’Africa

Più informazioni su

“Sao Tomé e Principe – Diario do centro do mundo” presentato a Savona.

Giorgio Pagano ha presentato il suo libro “Sao Tomé e Principe – Diario do centro do mundo” a Savona, introdotto da Alberto Rizzerio, Presidente di Januaforum, e da don Paolo Farinella.

Per Rizzerio il libro di Pagano è “il racconto di un Paese bellissimo e poverissimo”, ma anche “una riflessione sulla cooperazione internazionale, che deve essere inclusiva e coinvolgere gli africani come protagonisti”, nonché dar vita a un “partenariato tra Europa e Africa, con un ruolo anche per le nostre imprese”. In questo modo la cooperazione diventa sempre più “motore di sviluppo per i nostri territori”.

Per don Farinella “l’’Africa è la chiave di salvezza dell’occidente, se abbiamo abbastanza intelligenza da leggere ciò che sta accadendo in un contesto ampio, storico, economico e antropologico: nulla nella storia è separato, ma tutto si tiene insieme per causalità e per conseguenze”. Dopo lo schiavismo e il saccheggio delle materie prime a opera del colonialismo, “oggi l’Africa presenta il conto, con gli immigrati presenta un conticino per solo antipasto perché il conto finale deve ancora arrivare”. “Vi sembrerà strano -ha proseguito il parroco di San Torpete- ma il futuro dell’Europa è l’Africa: oggi noi europei dobbiamo uscire dai nostri confini e possiamo -dobbiamo- ritornare in Africa, perché per uscire dalla crisi bisogna uscire, non per invadere o imporre, ma per incontrarsi e condurre insieme progetti di sviluppo sostenibile per gli uni e gli altri”. “Leggendo il libro e guardando le foto, che sono parte integrante della cooperazione e della storia progettuale che Giorgio Pagano vuole comunicare -ha concluso Farinella- mi veniva spesso in mente Giorgio La Pira che, da sindaco -anche lui- di Firenze negli anni ’50 del secolo scorso aveva dato vita ai ‘Colloqui del Mediterraneo’ e nel 1958 riuniva tutti i sindaci del Mediterraneo europeo, africano e asiatico per impostare un progetto paritario finalizzato alla pace, allo sviluppo e ai diritti dei singoli e dei popoli”.

Infine l’autore, secondo cui l’Africa è sempre più “nostra”. Le migrazioni, la globalizzazione e la crisi economica, il terrorismo jihadista: tutto spinge -ha detto Pagano- a superare i confini, a rendere permeabili le frontiere, a unire Europa e Africa”. Queste le sue parole: “L’Europa non può più essere altra rispetto all’Africa, e viceversa: i destini sono interconnessi, il rapporto è e sarà sempre più stretto, tra grandi difficoltà e altrettanto grandi opportunità. Troppe sono le cause comuni che ci interpellano. L’Africa è il nostro grande Sud, l’Europa è il grande Nord dell’Africa. L’Africa non è un groviglio di problemi da cui stare lontani, è una grande occasione. E’ una terra giovane, con un’età media di vent’anni, ed è un grande laboratorio di idee. Quando partecipavo alle assemblee e ai ‘tavoli’ di discussione a Lembà, mi domandavo: ma non c’è più entusiasmo, più dinamismo, più creatività qui, in questa terra così misera, che non nelle assemblee della ‘vecchia’ Italia e della ‘vecchia’ Europa? La verità è che l’Africa è un continente con risorse umane di cui abbiamo bisogno. Così come loro hanno bisogno di noi. Le migrazioni saranno sempre più ‘circolari’: loro continueranno a venire da noi, ma vorranno anche tornare nei loro Paesi; e noi andremo sempre più da loro, perché l’Africa è un continente bellissimo e ricco di cultura, perché è l’unico che ha terre agricole da coltivare (non da accaparrare con il “land grabbing”), perché ha bisogno della nostra intrapresa, nel campo delle energie rinnovabili come in quello delle infrastrutture”.

Più informazioni su