laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Le tre Associazioni della comunità portuale della Spezia incontrano i candidati sindaco

Più informazioni su

Associazione Spedizionieri del Porto, Associazione Agenti Marittimi della Spezia, Associazione degli Spedizionieri Doganali.

LA SPEZIA – Ieri nella sala Pozzoli di Confindustria alla Spezia, di fronte ad una numerosa platea di Agenti Marittimi , Spedizionieri e Doganalisti, si è svolto l’incontro con i candidati Sindaci del Comune della Spezia. Assenti per impegni precedenti I candidati Cristiano Ruggia e Giulio Guerri. L’evento è stato organizzato dai presidenti Andrea Fontana, Sergio Landolfi e Alessandro Laghezza.

I lavori a nome delle tre associazione della comunità portuale sono stati introdotti da Alessandro Laghezza che ha presentato l’intero comparto e ha elencato le aspettative del settore rispetto alle diverse condizioni del Porto di questi ultimi mesi.

I lavori sono stati coordinati dal segretario generale della associazione Salvatore Avena , dopo una breve presentazione di tutti candidati presenti : Massimo Lombardi, Paolo Manfredini, Lorenzo Forcieri, Guido Melley, Donatella Del Turco, Gaetano Russo, Pierluigi Peracchini , Cesare Bruzzi Alieti, Agostino Cucciniello , Maria Di Filippo, gli interventi si sono sviluppati sostanzialmente su quattro filoni principali: come mantenere in città e valorizzare la ricchezza dei contenitori una volta sbarcati, come coniugare il traffico crociere con quello mercantile senza pregiudicare le aree di interesse economico, lo sviluppo del retro porto di Santo Stefano per fa crescere processi virtuosi economici ed occupazionali e infine il tema della formazione e del lavoro.

Tutti i candidati con accenti diversi hanno riconosciuto che il Porto è strategico per l’economia della città e che quindi andrà adottata   ogni iniziativa possibile per evitare che il Porto diventi solo un luogo di transito di contenitori è quindi fondamentale ,come ha fatto fino ad ora , tradurre i traffici merci   in ricchezza e posti di lavoro perché la città in questi anni ha messo a disposizione aree preziosissime accettando un compromesso ambientale. Su questo tema c’è stato un impegno comune a vigilare anche attraverso un confronto continuo  con l’AdSP  del mar ligure orientale

Concordi   sul  PRP che vada realizzato definitivamente cosi come il pennello in fregio alla calata Paita per il molo crociere mettendo dunque mano al piano urbanistico comunale che non lo prevede più.

Attenzione sull’area di Santo Stefano Magra che deve assumere un ruolo attivo nelle attività portuali e della logistica sviluppando attività di rottura del carico   con lavorazioni della merce e logistica integrata evitando che aree così importanti e strategiche  possano diventare solo aree di deposito.

Più informazioni su