laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’appello di Forcieri e Di Sacco: “Salviamo il Parco della Rimembranza”

Più informazioni su

LA SPEZIA – Il parco della rimembranza,  ironia della sorte, è uno dei parchi più dimenticati della Città: i gradini semi diroccati, l’asfalto pieno di buche e di crepe, le cancellate arrugginite.

Le nuove generazioni stentano a capire che cosa dovrebbe ricordare. Gli alberi vennero piantati in memoria dei caduti nella grande guerra. Un monumento creato per l’elaborazione del lutto collettivo che, a cento anni dalla rotta di Caporetto, appare quasi abbandonato a se stesso.

Le targhe in bronzo con i nomi dei caduti, fuse durante la seconda guerra mondiale, non sono mai state ripristinate. Eppure si tratta di un locus amoenus della Spezia, riservato , capace di offrire non solo ombra e frescura in estate, ma anche silenzio e raccoglimento.

È un luogo che con i suoi silenzi parla di patria, nel senso più alto, al di là di ogni retorica.

È necessario sentirci italiani per essere cittadini europei. Servono i luoghi della memoria critica.

Vogliamo non solo restaurarlo, ma anche renderlo di nuovo vivibile ed ospitale. Perché anche i luoghi sono necessari per formare dei cittadini migliori, consapevoli del dolore che quella guerra portò anche nella nostra Città.

Curare la memoria raschiando via le ultime incrostazioni ideologiche , volgersi indietro per guardare avanti.

Giorgio Di Sacco e Lorenzo Forcieri

Più informazioni su