laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Patto liberale per la crescita della Spezia

LA SPEZIA – Raffaele Fitto, europarlamentare e leader di Direzione Italia, ha incontrato ieri sera il candidato sindaco della coalizione di centrodestra Pierluigi Peracchini, insieme ai candidati in quota Direzione Italia nella lista “Toti per Peracchini”: Luca BergonzoliPaolo Messuri e Barbara Cidale. L’occasione si è rivelata utile per stringere un “patto” per la crescita della città, in vista della storica vittoria elettorale che consegnerà al centrodestra La Spezia. La ricetta per lo sviluppo cittadino si poggia su un programma chiaro, liberale, che non ammette ambiguità. Meno burocrazia, meno tasse, più spazio e libertà all’iniziativa dei privati. L’obiettivo di breve e lungo termine è rimettere in moto il sistema produttivo delle piccole e medie imprese, asse portante dell’economia cittadina e attrarre investimenti. Il governo ininterrotto della sinistra, del resto, ha portato negli anni a un innalzamento ormai insostenibile delle imposte locali, che soffoca ogni investimento esterno e lancio di nuove iniziative dei privati.

Fitto

Queste sono solo alcune delle proposte dei candidati consiglieri comunali Luca BergonzoliPaolo Messuri e Barbara Cidale, già pronte sotto forma di mozione che saranno presentate al primo consiglio comunale: – riutilizzo dei fondi sfitti e inutilizzati comunali, con concessione triennale a nuove partite Iva e professionisti. – Esenzione al pagamento della tassa dei rifiuti per le nuove attività imprenditoriali. – Vincolo nell’utilizzo delle imposte turistiche allo sviluppo turistico: marketing, promozioni e agevolazioni. Evitiamo gli sprechi e la dispersione delle imposte turistiche. – Due ore di parcheggio gratuito a rotazione in tutto il centro storico: rilanciare il piccolo tessuto commerciale del centro.

Pierluigi Peracchini e Raffaele Fitto hanno con loro stretto un patto per la crescita: ora toccherà agli spezzini scegliere se farne parte o continuare col governo della sinistra che ha ridotto La Spezia nella città delle occasioni sprecate.