laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Celebrata alla Spezia la giornata della Marina Militare

Più informazioni su

LA SPEZIA – Lunedì 12 giugno 2017 si sono svolte le celebrazioni della Giornata della Marina Militare, presso la Banchina Scali della Base Navale dove, alla presenza del Comandante del Comando Marittimo Nord, Ammiraglio di Divisione Giorgio Lazio, si è tenuta un’assemblea generale con le rappresentanze di tutto il personale militare e civile, delle Navi, dei Comandi ed Enti che operano nella base navale della Spezia e dintorni. Inoltre ha visto la partecipazione di tutte le più alte cariche istituzionali civili, militari e religiose locali ed una rappresentanza delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

20_GIA_7857

Giornata che è stata celebrata quest’anno in un arco di tempo inusualmente esteso, iniziato lo scorso venerdì 9 giugno a Civitavecchia, dove le celebrazioni si sono svolte alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano e del Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio Valter Girardelli.

Per l’occasione, sono state consegnate le Bandiere di Combattimento alle due Fregate Europee Multi Missione (FREMM), Alpino e Carabiniere, quest’ultima da pochi giorni rientrata in Italia dalla Campagna nel Sud Est asiatico ed Australia.

13_GIA_7837

Durante la sua allocuzione, l’Ammiraglio Lazio nel ringraziare i numerosi ospiti intervenuti ha rimarcato come “la condivisione d’intenti fra istituzioni e realtà produttive può garantire al meglio lo svolgimento dell’azione di difesa degli spazi e degli interessi marittimi nazionali.”

41_GIA_7906

Inoltre “Lo stesso concetto di condivisione, che permea il motto scelto dallo Stato Maggiore per questa giornata “La Marina siamo noi”, offre due chiavi di lettura. Una prima, più ampia che è quella di aggregare tutti i cittadini del nostro paese la cui storia, cultura e sorti economiche sono indissolubilmente legate al mare. La seconda più ristretta, riferita alla famiglia della Marina Militare ribadisce che solo la sinergia fra tutti gli uomini e donne, militari e civili, appartenenti alle diverse linee: operativa, logistica e formativa può assicurare alla Marina un futuro all’altezza degli ardimentosi che le hanno dato lustro”.

46_GIA_7913

L’istituzione della giornata dedicata alla Marina Militare risale al 13 marzo 1939 ed è dedicata a una delle più significative e ardite azioni compiute sul mare durante la 1ª Guerra Mondiale: l’impresa di Premuda del 10 giugno 1918, quando il Comandante Luigi Rizzo e il Guardiamarina Giuseppe Aonzo, al comando dei “MAS 15” e “MAS 21”, attaccarono una formazione navale austriaca nelle acque antistanti Premuda (costa dalmata), provocando l’affondamento della corazzata “Santo Stefano”.

25_GIA_7884

La Marina Militare è impegnata quotidianamente nei mari e negli oceani per lo svolgimento di operazioni nazionali ed internazionali. Tra le più importanti è opportuno citare: l’operazione Mare Sicuro per la tutela degli interessi nazionali in Mediterraneo, le missioni europee Atalanta e Sophia, la prima per il contrasto alla pirateria marittima condotta nell’Oceano Indiano, alla quale attualmente partecipa la fregata Espero, mentre per la seconda, di cui la Marina Militare detiene il Comando, che si svolge nel Mediterraneo centrale con lo scopo di contrastare i traffici illeciti e l’immigrazione clandestina, ed in ambito NATO la partecipazione  all’operazione “Sea Guardian” per la sorveglianza marittima e il contrasto al terrorismo internazionale.

14_GIA_7838

Inoltre le Navi e gli equipaggi della Marina Militare sono quotidianamente impegnate in attività di diplomazia navale e formazione, come nel caso delle campagne addestrative, ad esempio quella in corso della Nave Scuola Amerigo Vespucci in questo momento in navigazione sull’Atlantico verso le coste del nord America. Il tutto, nell’ottica di svolgere un ruolo cruciale e multidimensionale in fatto di difesa nazionale, sicurezza, politica estera, sviluppo economico del Paese e tutela del patrimonio ambientale, nell’ambito delle attività di ricerca scientifica e promozione delle eccellenze nazionali all’estero, senza dimenticare l’importante incentivo occupazionale dell’industria di settore offerto all’Italia.

Più informazioni su