laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Guardia Costiera: controlli ed interventi nel primo week-end di “Mare Sicuro”

Più informazioni su

LA SPEZIA Primo fine settimana dall’avvio dell’operazione “mare sicuro” all’insegna di interventi e controlli. Quello appena trascorso è stato infatti un week-end piuttosto impegnativo per la Guardia Costiera spezzina, chiamata ad una serie di interventi per la salvaguardia della vita umana in mare ed impegnata in diversi controlli per la tutela della sicurezza dei bagnanti, della navigazione e dell’ambiente marino.

Nella giornata di sabato infatti la motovedetta Sar CP 865 è intervenuta presso la scogliera del molo frangiflutti (Noceti) del porto di Lerici, a seguito di una segnalazione riguardante un bagnante colto da malore. Il personale del servizio del 118 è quindi imbarcato sull’unità SAR CP 865 la quale si è diretta a tutta velocità verso il malcapitato. Data la posizione del bagnante, non facilmente raggiungibile a causa del basso fondale è quindi entrato in azione anche il battello GC B 92 dell’Ufficio Locale Marittimo di Lerici che ha permesso ai sanitari di raggiungere la scogliera e di trasferire verso terra il bagnante che è stato poi trasferito presso il locale ospedale per gli accertamenti del caso.

Altro intervento nella giornata di domenica stavolta sul versante nord, che ha visto entrare in azione il battello GC B 17 dell’Ufficio Locale Marittimo di Levanto per una segnalazione di un presunto disperso in mare, lanciata da una bagnante ucraina preoccupata per il mancato ritorno a riva del fratello, allontanatosi da Bonassola in direzione Levanto per una nuotata qualche ora prima. La macchina dei soccorsi si è quindi messa subito in moto coinvolgendo anche due assistenti bagnanti che sono usciti in mare con i pattini di salvataggio mentre il battello della Guardia Costiera, sotto il coordinamento della sala operativa della Spezia, effettuava un pattugliamento sotto costa in cerca del trentatreenne. Sul posto dirigeva anche la motovedetta Sar 865. Dopo circa 40 minuti di ricerche, finalmente un sospiro di sollievo. Il nuotatore veniva ritrovato in buono stato di salute dal gommone GC B 17 e ricondotto a riva.

Diversi i controlli effettuati nel primo week end dell’operazione “MARE SICURO”. Nel canale di Porto Venere è entrato in azione il “barcavelox” il sistema che permette di rilevare la velocità delle imbarcazioni. A superare i limiti previsti all’interno del Canale di Porto Venere due unità a motore che dopo essere stati fermati dal battello GC A69 e scortati verso riva sono stati sanzionati con un verbale amministrativo di 172 € ciascuno.

Sul fonte dei controlli a tutela di una balneazione sicura è stato invece sanzionato un sub che esercitava la pesca subacquea con fucile in zona frequentata da bagnanti. Ad intervenire in questo caso il personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Lerici che ha contestato al trasgressore la violazione dell’ordinanza di sicurezza balneare che vieta tale attività nella zona riservata ai bagnati per evidenti ragioni di sicurezza.

Sul fronte ambientale, diversi i controlli effettuati nell’area marina protetta delle “Cinque Terre”. In azione il battello GC B17 di Levanto che ha pizzicato due unità da diporto che avevano dato fondo alle ancore nella zona “B” del Parco e due unità da diporto che avevano attraversato la stessa zona senza la prescritta autorizzazione.

I controlli di questo tipo continueranno e saranno implementati in vista dell’arrivo del periodo più caldo dell’estate.

A tutti gli utenti del mare si raccomanda sempre la massima prudenza e si ricorda, con l’occasione, il numero blu 1530, il numero delle emergenze in mare, sempre attivo su tutto il territorio nazionale che mette in contatto l’utente con la sala operativa della Capitaneria di Porto più vicina.

Più informazioni su