laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Parcheggiatori abusivi davanti all’ospedale Sant’Andrea, Pucciarelli (Lega): altro che sorrisi

Più informazioni su

Stefania Pucciarelli, consigliere regionale Lega Nord Liguria.

«Altro che sorrisi. A La Spezia i residenti denunciano che molti extracomunitari fanno i parcheggiatori irregolari: in particolare, alcuni abusivi entrerebbero in azione indisturbati intimidendo gli automobilisti e pretendendo soldi davanti all’ospedale Sant’Andrea.

Le lamentele degli spezzini sono state raccolte dal consigliere regionale della Lega Nord Liguria Stefania Pucciarelli, che stamane ha anche documentato i fatti con una diretta streaming sul suo profilo Facebook: “Non solo al Sant’Andrea. Insicurezza e degrado ovunque in un Comune ridotto allo sbando, anche per colpa della Giunta buonista di Massimo Federici”.

“Per quanto riguarda gli abusivi davanti all’ospedale Sant’Andrea – aggiunge Pucciarelli – il folto gruppo di extracomunitari provenienti da Aulla sbarca ogni giorno alla fermata dell’autobus vicina a Largo Bioni. I migranti, quindi, si posizionano indisturbati nel parcheggio limitrofo fino a sera inoltrata. Queste persone, secondo molti spezzini che si sentono intimiditi, pretendono che chiunque abbia intenzione di parcheggiare nella zona debba pagare qualche euro. E chi non paga ha paura di ritrovarsi l’auto danneggiata. Altro che sorrisi.

A sentirsi minacciati dal comportamento degli abusivi sono soprattutto le fasce deboli della cittadinanza, ossia le donne e gli anziani. Da anni la Lega Nord Liguria denuncia la situazione, ma la Giunta buonista di Massimo Federici non ha fatto pressoché nulla per cercare di risolvere il problema. Non dobbiamo dimenticare che quel parcheggio è usato principalmente da chi si reca in ospedale per sottoporsi a qualche trattamento, oppure per fare visita ad un famigliare o amico malato, che sicuramente non merita di subire condotte del genere da parte degli abusivi.

Inoltre, alcuni stranieri in questione sarebbero ospiti di un centro di accoglienza della Lunigiana che riceve fondi pubblici, pagati anche dai contribuenti italiani. In sostanza, anziché seguire i progetti di integrazione, i migranti vengono lasciati liberi di fare gli abusivi violando le regole.

Questo è solo uno dei risultati del buonismo e dell’immigrazione senza regole. Noi invece siamo per il rispetto della Legge e contro il business immigrati”.»

»

Più informazioni su