laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Polizia Locale e Carabinieri di Santo Stefano arrestano Rom

Dopo la segnalazione di un cittadino gli agenti intervengono ed arrestano una nomade ventenne.

SANTO STEFANO MAGRA – Un cittadino di Santo Stefano di Magra, in loc. Ponzano, ha notato due ragazze aggirarsi con fare sospetto vicino ad alcune abitazioni ed ha prontamente chiamato il Comando Polizia Locale di Santo Stefano di Magra. Gli agenti, con a capo il Comandante Flavio Toracca, si sono immediatamente diretti sul posto indicato dal cittadino ed hanno fermato due donne che corrispondevano nella descrizione a quelle segnalate.

Chiesti i documenti ai fini dell’identificazione, le stesse, non hanno mostrato documenti validi, ma fotocopie degli stessi. La pattuglia della Polizia Locale ha pertanto avviato la procedura prevista per la corretta identificazione. Le due donne, sono state quindi accompagnate presso la Stazione Carabinieri di Santo Stefano di Magra e, sotto le direttive del Comandante Maresciallo Capo Carlo Ferrari, sono state accompagnate sia dagli agenti e sia dai militari, presso il Comando Compagnia di Sarzana (SP), ai fini dell’identificazione.

Entrambe sono quindi risultate pluripregiudicate per reati contro il patrimonio e da un’accurata perquisizione personale, operata da una militare della caserma, è stato accertato che una delle due aveva occultati addosso oggetti comunemente utilizzati per lo scasso, per questo, M.T. diciottenne originaria della Croazia, è stata denunciata ai sensi dell’art. 707 codice penale e rischia una pena detentiva fino a due anni. La ventenne Christina Jovanovic Mitkovic originaria della Francia, è stata arrestata ed accompagnata sia dagli agenti e sia dai militari presso il carcere femminile di Pontedecimo (GE) in quanto sulla stessa pendeva un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia.

In foto il Comandante dei Carabinieri di Santo Stefano di Magra (SP) Maresciallo Capo Carlo Ferrari con i militari della caserma e gli agenti della Polizia Locale intervenuti nel recupero del materiale per lo scasso.