laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Schiaffino legge i romantici alla Mostra di Vaccarone

Sabato 8 luglio alle ore 21.00, Castello di Lerici.

LERICI – “Sarà Beatrice Schiaffino a concludere le serate di recitazione poetica durante la mostra di Francesco Vaccarone “Tra Lerice e Turbìa. Il golfo e i suoi poeti”. Dopo il grande successo di Antonio Salines e Matteo Taranto al Castello di Lerici, sabato 8 luglio alle ore 21.00, un’altra attrice del nostro territorio sarà la protagonista della serata che reciterà i versi dei liri romantici dell’Ottocento in lingua inglese e in italiano.

Schiaffino, giovanissime attrice di cinema, televisione e serie televisive, è soprattutto un’amante e un’appassionata di teatro: è stata diretta fra gli altri da Marco Ferrari ne “Il porto di Exodus”, da Viola Villa e G. Garofalo.

La scenografia naturale del Castello Monumentale di Lerici consentirà a Schiaffino, accompagnata dalle corde di una chitarra, di leggere, interpretandoli, i più grandi poeti inglesi dell’Ottocento che si sono lasciati ispirare dal nostro Golfo e dalla Liguria sia in lingua originale inglese sia in italiano.

La mostra, che nasce dall’idea di compiere una riflessione sulla secolare vocazione poetica del territorio affacciato sul Golfo della Spezia, attraverso un percorso interdisciplinare fra l’arte visiva di Francesco Vaccarone e l’arte poetica di quanti, dal Duecento a oggi, si sono lasciati ispirare o hanno soggiornato presso la nostra costa, offre una cornice artistico letteraria a cui non potevano mancare serate dedicate alla recitazione di quelle poesie che hanno ispirato il Maestro Vaccarone.

L’ingresso è gratuito, come gratuita è la visita alla mostra. Il progetto, realizzato con il contributo della Fondazione Carispezia nell’ambito del bando “Eventi Culturali 2017” e di STL – Sviluppo Turistico Lerici, ha tra i suoi partner il Comune Di Lerici, il Comune di Porto Venere e il Liceo Classico “L. Costa” La Spezia. L’evento è stato ideato e realizzato dall’associazione culturale Startè.”