laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Ponte di Rocchetta Vara e Strada Provinciale, Regione pronta a stanziare 3 milioni di euro per ripristinare la viabilità della valle

Stamattina sopralluogo dell’assessore Giampedrone con il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile. 

ROCCHETTA VARA – Regione Liguria è pronta a stanziare 2,9 milioni di euro per il ripristino della viabilità tra Brugnato e Rocchetta Vara: di questi, 1,7 per interventi sulla strada provinciale 7 e il restante 1,2 milioni per sostituire il ponte sul Gravegnola, travolto dalla piena del torrente durante la tragica alluvione dell’ottobre 2011, che colpì anche la strada.

Questa mattina l’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone ha effettuato un sopralluogo sul ponte bailey di Rocchetta Vara, installato in via provvisoria per garantire i collegamenti, e sulla arteria che collega Brugnato con il piccolo comune dell’entroterra spezzino. Erano presenti anche i tecnici della Protezione civile nazionale per valutare il progetto di ripristino della carreggiata danneggiata e del ponte. “ll sopralluogo ha dato esito positivo, ed è quindi venuto il momento – spiega l’assessore Giampedrone – di dare delle risposte ai territori e ai cittadini dopo sei anni di attesa”. “Giustamente – aggiunge l’assessore regionale alla Protezione civile – i sindaci chiedono un intervento concreto sia sul ponte che sulla provinciale, fondamentale per i collegamenti. Questa mattina abbiamo eseguito un sopralluogo con il Dipartimento nazionale di protezione civile: abbiamo chiesto l’allocazione di circa 3 milioni di euro derivanti da residui di vecchie ordinanze di protezione civile per poter garantire questo intervento. Attendiamo l’ok definitivo da parte del Dipartimento nazionale per poter dare il via all’Inter dei lavori, dando la priorità al ponte e poi per passare alla progettazione per quanto riguarda la strada, e capire quali siano le tempistiche anche di quest’ultimo intervento”.

4

Per il nuovo ponte è già pronto un progetto esecutivo, e i tempi di ripristino saranno più rapidi una volta che i fondi verranno erogati alla Regione. Più lunghi i tempi per quanto riguarda la strada, altrettanto importante per tutte le attività imprenditoriali, commerciali e turistiche della zona: “In questo caso – spiega Giampedrone – dobbiamo garantire un aggiornamento progettuale che consentirà nei tempi prestabiliti di indicare chi effettuerà e come verranno eseguiti gli interventi”. “Essendo questa una strada provinciale – prosegue l’assessore regionale alla Protezione civile – noi indicheremo come ente attuatore la Provincia della Spezia. Sappiamo però quali siano le difficoltà tecniche, economiche e amministrative dell’ente e quindi credo che ci siederemo a un tavolo, insieme a tutti gli amministratori dei territori, per cercare di capire, in convenzione, quale sia la strada migliore da percorrere, quella che garantisce tempi più brevi per realizzare prima di tutto il ponte e poi per capire quali siano gli aggiornamenti progettuali per arrivare anche alla definizione dell’intervento sulla strada”.