laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Nel ritiro dello Spezia, la pièce teatrale “Eravamo quasi in cielo” che ricorda l’eroico scudetto dei Vigili del Fuoco della Spezia nel 1944

Giovedì 27 luglio.

PONTREMOLI – C’è grande attesa a Pontremoli la sera del 27 luglio dove nella splendida cornice del Teatro della Rosa, Gianfelice Facchetti, figlio del grande Giacinto, indimenticato campione dell’Inter della Nazionale italiana di calcio, accompagnato dalle musiche dell’Ottavo Richter Trio, porterà in scena, nel ritiro lunigianese, l’eroica impresa dei Vigili del Fuoco guidati da Ottavio Barbieri. Correva l’anno 1944, la Seconda Guerra Mondiale era ad un punto cruciale e scaricava tutta la propria violenza sull’Europa, non risparmiando ovviamente un’Italia divisa dalle Linea Gotica, tra le cui strade il popolo aveva l’assoluta necessità di provare a respirare almeno un poco di , dimenticando i rastrellamenti, le battaglie, il dolore e la morte. Fu così che la Federcalcio, con sede a Milano, decise di organizzare un campionato di divisione nazionale misto, al termine del quale sarebbe stato assegnato il titolo di Campione d’Italia.

Ed è in questo con testo storico che si sviluppò la leggendaria impresa dei Vigili del Fuoco della Spezia, che a bordo di una vecchia autobotte modificata per trasportare la squadra e sempre sotto il rischio dei bombardamenti, furono in grado di compiere qualcosa di unico e irripetibile nella storia del calcio, sbaragliando la concorrenza fino a trovarsi di fronte il Grande Torino in un indimenticabile 16 luglio 1944, con gli imbattibili granata di Vittorio Pozzo che caddero sotto i colpi di Angelini, le cui reti portarono gli uomini di Ottavio Barbieri sul tetto d’Italia. Oggi l’eroica impresa di Bani, Borrini, Amenta; Gramaglia, Persia, Scarpato, Tommaseo, Rostagno, Costa, Tori e Angelini, guidati da Ottavio Barbieri, rivivrà a teatro grazie all’opera “Eravamo quasi in cielo”, scritta a quattro mani da Marco Ciriello e Gianfelice Facchetti, con la collaborazione di Piero Lorenzelli, Armando Napoletano e del compianto Paolo Rabajoli e che fin dall’esordio di Milano ha saputo far breccia nel cuore degli spettatori, riportando alla luce un’impresa rimasta per troppo tempo nascosta al grande pubblico.

Ora la pièce teatrale è pronta ad approdare nel ritiro delle aquile giovedì  27 luglio alle ore 21, con lo spettacolo previsto sul palco del Teatro della Rosa di Pontremoli alla presenza della prima squadra aquilotta (l’ingresso è gratuito fino all’esaurimento dei posti): un modo per far rivivere una parte importante della storia della maglia bianca proprio nei giorni in cui la squadra aquilotta, guidata dal neo mister Gallo, si prepara ad affrontare la sesta stagione consecutiva in serie B.

L’anteprima a Pontremoli è stata voluta fortemente dai vertici dello Spezia, in attesa che l’opera “Eravamo quasi in cielo” debutti al Teatro Civico della Spezia, città dalla quale partì l’eroica impresa dei Vigili del Fuoco che batterono il Grande Torino.