laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Mercato Mutui in Liguria I° Trimestre 2017: Speciale Regioni

Più informazioni su

L’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato nel dettaglio l’andamento dei finanziamenti finalizzati all’acquisto dell’abitazione concessi alle famiglie residenti sul territorio regionale nel primo trimestre 2017. L’analisi fa riferimento al Bollettino Statistico II-2017, pubblicato da Banca d’Italia nel mese di Luglio 2017.

ITALIA
Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 12.304,2 milioni di euro, rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente si registra una variazione delle erogazioni pari a +11,5%, per un controvalore di 1.273,2 milioni di euro. La fotografia indica ancora un aumento dell’erogazione del credito concesso alle famiglie, che conferma la tendenza sia del quarto trimestre 2016 (quando la variazione è stata pari a +7,0%) sia del terzo trimestre 2016 (+6,2%).
Gli ultimi dodici mesi si sono chiusi con 50.976,9 milioni di euro erogati, con una variazione pari a +12,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

LIGURIA
Le famiglie liguri hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 445,7 milioni di euro, che collocano la regione al 10° posto per totale erogato in Italia, con un’incidenza del 3,62%; rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente in regione si registra una variazione delle erogazioni pari a +22,6%, per un controvalore di +82,2 milioni di euro.
Se si osserva l’andamento delle erogazioni sui 12 mesi, e si analizzano quindi i volumi da Aprile 2016 a Marzo 2017, la regione Liguria mostra una variazione positiva pari a +15,2%, per un controvalore di +224,4 mln di euro. Sono dunque stati erogati in questi ultimi dodici mesi 1.704,0 mln di euro, volumi che rappresentano il 3,34% del totale nazionale.

PROVINCE
Nel primo trimestre 2017 le province della Liguria hanno evidenziato il seguente andamento.
La provincia di Savona ha erogato volumi per 76,9 mln di euro, facendo registrare una variazione rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno pari a +12,9%. Nell’ultimo anno, invece, sono stati erogati 294,5 mln di euro (+17,8%).
A Imperia sono stati erogati volumi per 48,5 mln di euro, corrispondenti a una variazione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente pari a +18,5%. Nei precedenti dodici mesi sono stati erogati 197,7 mln di euro (+26,4%).
La provincia di La Spezia ha erogato volumi per 57,1 mln di euro, la variazione sul trimestre è pari a +25,6%. I dodici appena trascorsi hanno evidenziato volumi per 213,2 mln di euro, corrispondenti a +6,8%.
In provincia di Genova i volumi erogati sono stati 263,3 mln di euro, con una variazione pari a +26,0%. Quelli nei quattro trimestri considerati sono stati 998,5 mln di euro, (+14,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso).

IMPORTO MEDIO DI MUTUO – LIGURIA
Attraverso l’elaborazione dei dati provenienti dalle agenzie di mediazione creditizia Kìron ed Epicas, l’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato la tendenza rispetto all’importo medio di mutuo erogato.
Nel primo trimestre 2017 in Liguria si è registrato un importo medio di mutuo pari a 105.400 euro, in aumento rispetto a quanto rilevato durante lo stesso trimestre dell’anno precedente, quando il ticket medio ammontava a 96.000 euro. Mediamente colui che sottoscrive un mutuo nella regione viene finanziato circa il 7% in meno rispetto al mutuatario medio italiano.

CONCLUSIONI
Le erogazioni nel nostro Paese sono in aumento da tre anni consecutivi anche se la spinta alla crescita sembra aver diminuito la sua forza nel corso degli ultimi mesi. Si rileva dal lato della domanda un lieve calo delle interrogazioni relative alle richieste di nuovi mutui rispetto allo scorso anno. Resta molto basso il costo dei finanziamenti e permangono interessanti opportunità per le famiglie che vogliono affacciarsi all’acquisto dell’abitazione. I recenti dati sulla crescita dell’inflazione nell’area Euro aprono nuovi scenari rispetto alla politica monetaria attuata fino ad oggi da parte della BCE riguardo ai tassi d’interesse che, a questo punto, dovrebbero aver esaurito la fase discendente.

Mercato Mutui I Trimestre 2017: Speciale Regioni

Il Nord in testa per crescita di erogazioni, Rimini, Arezzo, Varese, Vicenza e Brescia le province top. 

REGIONI

A livello regionale, il primo trimestre 2017 è risultato positivo in 14 delle 20 regioni Italiane. Anche quelle meno performanti mostrano comunque cali lievi, compresi in un range che va dal -0,7% del Molise e -10,6% dell’Abruzzo. Di seguito il dettaglio per regione.

La crescita più consistente risulta essere quella della Valle d’Aosta, la migliore regione anche per questo trimestre dopo che già nell’ultimo trimestre 2016 era stata la prima per crescita. Ha aumentato i volumi di ben il 43,2% rispetto al pari periodo 2016. Seguono Sardegna, Emilia Romagna e Liguria tutte con un aumenti superiori al 20%.

Permangono sempre differenze geografiche, in quanto sono generalmente le regioni del Nord Italia quelle dove si eroga mediamente di più: la Lombardia si conferma la migliore per distacco con i suoi 2.831,3 milioni di euro di mutui erogati. Stiamo parlando di quasi il doppio dei volumi del Lazio che con 1.662 milioni di euro si conferma secondo polo di erogazione finanziamenti in Italia, prima regione per il Centro e Sud. L’Emilia-Romagna con 1.086,9 milioni erogati supera per questo trimestre il Veneto che si ferma a 1.034,5 milioni.

PROVINCE

Nel primo trimestre 2017 oltre sette province su dieci hanno evidenziato volumi in aumento, seppur non in modo significativo come nei trimestri scorsi. La prima di queste è la provincia di Rimini che cresce a più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2016 (+190%). Altre crescite importanti riguardano le province di Arezzo (+77,3%), Varese (+64%), Vicenza (+43,5%) e Brescia (+41,9%). Tra le principali province spiccano sempre Roma e Milano i cui volumi rappresentano più del doppio rispetto alla terza provincia, Torino. Da segnalare che 4 delle prime 10 province sono lombarde e l’unica con variazione negativa è quella della provincia di Bari.

Più informazioni su