laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Claudio Muzio: “Donazione organi. Sensibilizzare i Comuni”

Più informazioni su

GENOVA – “La Regione è impegnata per coinvolgere e sensibilizzare i Comuni liguri in ordine alla possibilità, per i cittadini, di esprimere sulla carta d’identità l’assenso alla donazione degli organi. Lo documentano da un lato l’approvazione all’unanimità, in Consiglio Regionale, dell’ordine del giorno che su questo tema ho presentato assieme al presidente del gruppo di Forza Italia, Angelo Vaccarezza, dall’altro lato le azioni messe in campo dalla Giunta Toti: l’assessore alla Sanità, Sonia Viale, ha infatti invitato i Prefetti a sollecitare i Comuni che ancora non hanno adeguato le proprie procedure a fare propria la direttiva nazionale su questa materia, offrendo l’opportunità di specifici incontri territoriali insieme ad ANCI e al Centro Regionale Trapianti, al fine di approfondire gli aspetti tecnici e risolvere eventuali criticità. L’assenso alla donazione è un atto libero e volontario di profonda umanità e solidarietà; ritengo doveroso che i cittadini vengano adeguatamente informati in proposito”. E’ quanto dichiara Claudio Muzio, consigliere regionale di Forza Italia e segretario dell’Ufficio di Presidenza.

“Ad oggi purtroppo – prosegue – è ancora ridotto il numero di Comuni che hanno aderito alla direttiva nazionale sull’espressione del consenso. Eppure parliamo di un gesto, la donazione degli organi, che molte volte permette la cura di gravi malattie e che in alcuni casi rappresenta l’unica soluzione per patologie incurabili. Ciò fa tanto più riflettere, se si pensa che l’Italia (con la Liguria ai primi posti) ha raggiunto nel campo dei trapianti l’eccellenza in termini di professionalità, efficacia dei risultati e interventi realizzati”.

“Auspico pertanto – conclude Muzio – che l’ordine del giorno approvato in Consiglio Regionale e le iniziative assunte dell’assessore Viale possano dare la stura a un maggior impegno da parte dei Comuni, finalizzato a far conoscere a un numero sempre crescente di cittadini liguri, con adeguate campagne informative, la possibilità di esprimere il consenso sulla carta d’identità, incrementando così il possibile bacino di donatori”.

Più informazioni su