laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

“Libere disobbedienti innamorate”

Più informazioni su

Martedì 1° agosto ore 21,30 Arena La Pinetina La Spezia, Lunedì 7 agosto ore 21,30 Arena Astoria Lerici.

LA SPEZIA – L’Associazione Culturale Mediterraneo e Il Cinema Il Nuovo organizzano, martedì 1° agosto alle ore 21,30 all’Arena La Pinetina La Spezia e lunedì 7 agosto alle ore 21,30 all’Arena Astoria Lerici, la proiezione del film “Libere disobbedienti innamorate”, della regista palestinese Mayasaloun Hamoud.

La proiezione era prevista per martedì 11 luglio all’Arena La Pinetina ma non è stata effettuata per motivi tecnici ed è stata sostituita dalla proiezione di un altro film. Per dare la possibilità ai tanti presenti di poter vedere “Libere disobbedienti innamorate” gli organizzatori hanno previsto due date, non solo alla Spezia ma anche a Lerici.

Il film è la storia di tre ragazze palestinesi che condividono un appartamento a Tel Aviv. Donne che cercano di vivere la loro quotidianità in una realtà complessa, che raramente viene raccontata al cinema. Maysaloun Hamoud si è armata di coraggio ed è entrata nell’ombelico di Tel Aviv, in quella parte della città che ribolle di cultura underground dove vivono queste ragazze, diverse e nello stesso tempo unite di fronte a una società araba patriarcale che le giudica e le umilia. Leila è un avvocato penalista che preferisce la singletudine al fidanzato, rivelatosi presto ottuso e conservatore, Salma è una dj stigmatizzata dalla famiglia cristiana per la sua omosessualità, Noor è una studentessa musulmana osservante originaria di Umm al-Fahm, città conservatrice e bastione del movimento islamico. Noor è fidanzata con Wissam, fanatico religioso anaffettivo che non apprezza l’emancipazione delle coinquiline della futura sposa. Ostinate e ribelli, Leila, Salma e Noor faranno fronte comune contro le discriminazioni.

“Un inno alla solidarietà femminile”, così è stato definito il film, che è anche, dice la regista, “un invito a tutte le donne a emanciparsi dalla società maschilista in cui viviamo.

Più informazioni su