laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Risultati I semestre 2017 del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, del Crédit Agricole in Italia e del Crédit Agricole

Più informazioni su

RISULTATI AGGREGATI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO CRÉDIT AGRICOLE IN ITALIA

Nel primo semestre del 2017 Il Gruppo Crédit Agricole in Italia ha registrato un risultato netto di competenza pari a 293 milioni di euro, in crescita del 24% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un risultato netto aggregato gestionale di 456 milioni di euro.

In crescita del 4% anche i ricavi, che salgono a 1,6 miliardi di euro e il totale degli impieghi che raggiunge i 62,4 miliardi di euro. Il totale dei depositi e fondi clienti si attesta a oltre 130 miliardi di euro, considerando anche gli asset under management e l’attività di banca depositaria.

Il Gruppo è composto, oltre che dal Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, anche dalle società di Corporate e Investment Banking (CACIB), Credito al Consumo (Agos, FCA Bank), Leasing e Factoring (Crédit Agricole Leasing e Crédit Agricole Eurofactor), Asset Management e Asset Services (Amundi, CACEIS), Assicurazioni (Crédit Agricole Vita, Crédit Agricole Assicurazioni, Crédit Agricole Creditor Insurance) e Wealth Management (CA Indosuez WM e CA Indosuez Fiduciaria).

 

GRUPPO BANCARIO CRÉDIT AGRICOLE ITALIA: RISULTATI AL 30 GIUGNO 2017

UTILE NETTO PARI A 131 MILIONI IN CRESCITA DEL +7% A/A POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI ADEGUATI DI LIQUIDITÀ

CRESCITA DELLE MASSE E DEI CLIENTI

CONTINUI INVESTIMENTI A SOSTEGNO DELLA DIGITALIZZAZIONE E DELLO SVILUPPO DEL BUSINESS

Confermata la capacità di generare redditività, in continuità con gli esercizi precedenti: conseguito nel primo semestre 2017 un utile di 131 milioni di euro (+7% a/a). Proventi in crescita (+1% a/a), grazie alla buona performance delle commissioni (+9% a/a), trainate in particolare dalla componente di risparmio gestito (+25% a/a). Interessi in crescita rispetto al trimestre precedente (+2% T2/T1). Oneri operativi sotto controllo e conferma di un ottimo livello di efficienza, con un cost/income pari al 55,6%*.

Costo del credito pari a 152 milioni di euro in flessione del -12% a/a, con un’incidenza delle rettifiche sugli impieghi che si attesta a 78 bps. In costante miglioramento la qualità dell’attivo: in riduzione l’incidenza sia dei crediti deteriorati netti sia delle sofferenze nette, rispettivamente pari al 6,9% e al 3,1%. In aumento le coperture su crediti deteriorati e pari al 44,2%. In contrazione i nuovi flussi di ingresso a default (-44% a/a).

Solidità patrimoniale adeguata con un Common Equity Tier 1 all’11,1% e Total Capital Ratio al 13,4%.

Posizione di liquidità più che soddisfacente, con un indicatore di LCR che si attesta ben oltre il 100%. Rating Moody’s A3, al livello più alto del Sistema Bancario Italiano.

Attività commerciale positiva e dinamica che ha contribuito ad una crescita importante dei volumi di impiego (+5% a/a), risparmio gestito (+10% a/a) e raccolta diretta (+8% a/a, sostenuta anche dalle emissioni di Covered Bond). Acquisiti 60.000 nuovi clienti nei primi sei mesi del 2017. In costante incremento la collaborazione e le sinergie con le società del Gruppo Crédit Agricole in Italia.

– continuo supporto alle famiglie con l’importante crescita del comparto mutui casa (nuova produzione +7% a/a) e dei volumi intermediati di credito al consumo (+33% a/a);

– sostegno all’economia con finanziamenti alle imprese in crescita del +6% a/a, con particolare attenzione ai segmenti chiave per il Gruppo, come l’Agri-Agro;

– sviluppo del risparmio gestito con nuovi collocamenti in crescita (+28% a/a), grazie anche alla spinta su nuovi prodotti come i Piani Indivduali di Risparmio e al contributo della nuova rete di promotori finanziari;

In linea con quanto previsto dal Piano Industriale 2016-19 proseguono gli investimenti a supporto del business, dell’evoluzione digitale e delle persone:

– trasformazione della rete fisica – con oltre il 35% della rete che ha già adottato il modello di filiale evoluta “AgenziaPerTe” – e contestuale evoluzione degli strumenti digitali per ampliare i servizi per la clientela;

– sviluppo del personale attraverso formazione, nuovi ingressi e la realizzazione di iniziative volte al miglioramento del worklife balance, come ad esempio lo smart working;

– rinnovamento degli spazi lavorativi attraverso progetti immobiliari in corso di realizzazione, finalizzati a razionalizzare le sedi del Gruppo e studiati per rispondere a nuove esigenze e abitudini lavorative.

 

Parma, 3 agosto 2017

In data 26 luglio 2017 il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, presieduto dal Presidente Ariberto Fassati e guidato da Giampiero Maioli, CEO del Gruppo e Senior Country Officer di Crédit Agricole in Italia, ha approvato il bilancio semestrale 2017.

Il perimetro del gruppo risulta principalmente composto da Crédit Agricole Cariparma S.p.A.(capogruppo), Crédit Agricole FriulAdria S.p.A., Crédit Agricole Carispezia S.p.A., Crédit Agricole Group Solutions S.C.p.A. e Crédit Agricole Leasing Italia S.r.l., consolidate integralmente.

SINTESI DATI DI GRUPPO Dati economici

 Utile netto di Gruppo pari a 131 milioni (+7% a/a)

 Proventi Operativi Netti a 866 milioni (+1% a/a)

 Oneri Operativi a 483* milioni (+1% a/a*)

 Risultato Gestione Operativa a 383* milioni (stabili a/a*)

 Costo del credito a 152 milioni (-12% a/a)

Dati patrimoniali

 Patrimonio Netto di Gruppo a 5,1 miliardi (+5% a/a)

 Crediti verso Clientela pari a 39,5 miliardi (+5% a/a)

 Raccolta diretta pari a 41 miliardi (+8% a/a)

 Raccolta gestita a 29 miliardi (+10% a/a)

Ratio di Gruppo

 Cost/Income ratio a 55,6%*

ROE al 5%

 ROTE al 8%

 Common Equity Tier 1 a 11,1%

 Tier Total a 13,4%

* al netto degli oneri straordinari.

 

CONTO ECONOMICO: PRINCIPALI ANDAMENTI 2017

I proventi operativi netti si attestano a 866 milioni, in leggero aumento (+1%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Gli interessi netti registrano una sostanziale tenuta rispetto al precedente esercizio (-2,0%) attestandosi a 462 milioni, evidenziando un trend in progressivo miglioramento (+2,4% T2-17/T1-17). La dinamica è legata essenzialmente all’attività di intermediazione con la clientela, e in particolare alla dinamica degli spread. Lato impieghi, la pressione competitiva determina una progressiva contrazione degli spread sia sulla nuova produzione che sullo stock in essere (rinegoziazioni e rimborsi anticipati), con un effetto negativo sul margine di interesse solo in parte mitigato dallo sviluppo dei volumi (in particolare mutui). Lato raccolta clientela, il contributo al margine di interesse, pur beneficiando della riduzione del costo delle forme a più lunga scadenza risulta penalizzato dalla presenza di limiti sostanziali alla discesa dei tassi su talune forme di raccolta a vista.

Le commissioni nette, che rappresentano il 43% dei proventi operativi (39% nel primo semestre 2016), sono pari a 370 milioni e risultano in crescita rispetto allo scorso anno (+9% a/a): la flessione delle commissioni da attività bancaria commerciale (-9% a/a) è stata più che compensata dallo sviluppo delle commissioni da gestione intermediazione e consulenza (+25% a/a). Con riferimento a queste ultime, il dato beneficia dello sviluppo dei volumi di collocamento sia dei prodotti di risparmio gestito sia di credito al consumo, grazie principalmente alle sinergie con le società specializzate del Gruppo Crédit Agricole, tra cui Agos, Amundi, CA Assicurazioni e CA Vita.

Il contributo al conto economico del risultato dell’attività finanziaria (13 milioni di euro al 30 giugno 2017) evidenzia un forte decremento rispetto all’anno precedente (-21 milioni), per la minore possibilità di arbitraggi su titoli di stato rispetto a quanto effettuato nel corso del primo semestre 2016.

Gli oneri operativi, pari a 503 milioni, sono in crescita di 16 milioni (+3,3%) rispetto al primo semestre 2016 ma stabili al netto delle componenti non operative. Nelle spese amministrative sono contabilizzati sia i contributi al Fondo di Risoluzione Unico (FRU), sia il contributo stimato per eventuali prossimi interventi sistemici (es. interventi previsti dal piano di salvataggio delle due Banche Venete). Al netto degli oneri non caratteristici della gestione, il “cost/income” è pari al 55,6%, stabile rispetto all’anno precedente (+0,1%).

Le rettifiche di valore nette su crediti si attestano a 152 milioni, in calo del -12% rispetto ai primi sei mesi del 2016.

L’utile dell’esercizio (pari a 131 milioni) risulta in crescita rispetto alla semestrale 2016 (+7%).

 

STATO PATRIMONIALE: PRINCIPALI ANDAMENTI 2017

Le masse totali intermediate superano i 135 miliardi di euro, con una crescita del +4,8%* rispetto a giugno 2016.

I crediti verso la clientela al 30 giugno 2017 ammontano a 39,5 miliardi di euro, in crescita del +5% a/a. Tale trend è sostenuto sia dai mutui che si attestano a 23,4 miliardi (in particolare mutui casa alle famiglie – oltre 11.900 le erogazioni da inizio anno, +7% rispetto al primo semestre 2016) sia dalle altre forme di finanziamento destinate al sostegno delle imprese (+6% a/a).

* Dato pro-forma per tenere conto dell’uscita di masse di raccolta amministrata relative ad una posizione specifica.

Lo sviluppo dei volumi è stato conseguito prestando continua attenzione alla qualità del credito. Risultano infatti in riduzione l’incidenza sia dei crediti deteriorati netti sia delle sofferenze nette sul totale dei crediti verso clientela, rispettivamente pari al 6,9% e al 3,1% – grazie anche alla riduzione dei nuovi flussi di ingresso a deteriorato (-44% a/a). Contestualmente, risultano in miglioramento rispetto a fine 2016 anche i livelli di copertura dei crediti deteriorati (da 42,2% a 44,2%) e delle sofferenze (da 57,9% a 58,7%) . Il totale delle cessioni di NPL del semestre, inclusivo della cessione in blocco perfezionata nel mese di giugno, ammonta a circa 100 milioni. Si segnala inoltre che sono in corso di finalizzazione ulteriori cessioni per circa 96 milioni di esposizione lorda.

A giugno 2017 le masse totali di raccolta, pari a 96 miliardi sono aumentate del +4,8%* rispetto al primo semestre 2016, per effetto della crescita delle componenti di raccolta diretta (+8% a/a) e di risparmio gestito (+10% a/a).

Lo sviluppo della raccolta diretta (che al 30 giugno 2017 si attesta a 41,2 miliardi di euro), è stato trainato dai conti correnti, le cui giacenze sono salite a 30,4 miliardi (+16,5% a/a), a dimostrazione della propensione della clientela verso forme di deposito più liquide. Con riferimento alla raccolta in titoli l’attività del Gruppo si è concentrata sull’emissione di Covered Bond che, grazie al crescente apprezzamento registrato sul mercato, consente di stabilizzare la raccolta su lunghe scadenze ed a costi vantaggiosi: nel 2017 il Gruppo ha collocato ulteriori 1,5 miliardi di obbligazioni bancarie garantite; lo stock di prestiti obbligazionari unsecured risulta invece in contrazione (-45% a/a): il contesto di tassi bassi porta la clientela a preferire prodotti con possibilità di maggior rendimento, in particolare prodotti di risparmio gestito.

La raccolta indiretta a giugno 2017 risulta pari a 55 miliardi di euro, in crescita del +2,8% a/a*. All’interno dell’aggregato in aumento il risparmio gestito (+10% a/a), per effetto della crescita di tutte le sue principali componenti (+14,1% a/a i Fondi e le Gestioni Patrimoniali e +7,4% a/a i prodotti assicurativi). In flessione il trend della raccolta amministrata (-4,9% a/a*).

La solidità patrimoniale si conferma adeguata con un Common Equity Tier 1 all’11,1%, con attività ponderate per il rischio che rimangono stabili (la dinamica dell’aggregato ha visto, a fronte dell’incremento degli impieghi sia Retail che Corporate e riduzione degli impieghi verso banche, una sostanziale compensazione dovuta principalmente al miglioramento della qualità del credito) ed un Total Capital Ratio al 13,4%, cui si aggiunge una posizione di liquidità più che soddisfacente, con un indicatore di LCR ben al di sopra del 100%.

Più informazioni su