laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il giornalista Italo Cucci a Lerici

Più informazioni su

LERICI – Il giornalista e scrittore Italo Cucci sarà domani sera a Lerici, martedì 22 agosto, alle ore 21.30 alla Rotonda Vassallo.

Terminata la prima Giornata di Campionato, il noto giornalista sportivo coglierà l’occasione per  commentarne l’andamento e raccontare aneddoti e percorsi della sua brillante carriera, che lo ha portato a essere definito il “vate” del giornalismo sportivo.

“Siamo felici di ospitare nel nostro territorio uno dei massimi esperti di giornalismo sportivo – commenta Leonardo Paoletti, Sindaco di Lerici -. Sarà un appuntamento da non perdere, tra commenti sui recenti fatti sportivi, dalla prima giornata di campionato appena conclusa alle vittorie Ferrari, e aneddoti di una grandiosa carriera, raccontati dal suo stesso protagonista”.

Allievo dei più grandi, come Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi, ha insegnato giornalismo alla LUISS di Roma e Sociologia della comunicazione sportiva alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Teramo, collaborando e tenendo seminari in tutte le più importanti università italiane.

Fa parte delle giurie del Premio Prisco e del Premio Beppe Viola e da trent’anni del Premio Sport Civiltà dell’Associazione Veterani dello Sport in Parma, nonché delle commissioni d’esame dell’Ordine dei Giornalisti.

Ha diretto i giornali in cui è stato redattore. Prima il Guerin Sportivo, poi lo Stadio, il Corriere dello Sport-Stadio e il Quotidiano Nazionale, che raccoglie le testate La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, il quotidiano in cui ha mosso i primi passi durante la direzione di Giovanni Spadolini. Ha diretto anche il mensile Master e il settimanale Autosprint. Dopo l’esordio a Stadio è stato anche inviato speciale della Gazzetta dello Sport, diretta da Gualtiero Zanetti.

Direttore editoriale dal 2008 dell’agenzia di stampa Italpress, è anche editorialista del quotidiano Il Roma di Napoli e di Avvenire. Collabora con la RAI come opinionista/editorialista sportivo.

Da Germania 1974 a Sudafrica 2010 ha seguito dieci Mondiali di calcio e sei Olimpiadi.

Più informazioni su