laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

26 e 27 agosto, sospensione totale della circolazione lungo la S.P. 31 ”Fornola – Bottagna (della Ripa)“

Più informazioni su

VEZZANO LIGURE – Di seguito l’ordinanza:

IL DIRIGENTE

Vista l’istanza assunta a prot. n. 21550 del 12 agosto 2017, relativa alla richiesta di emissione di ordinanza necessaria per lavorazioni legate alla manutenzione degli interventi di protezione del versante lungo la Strada Provinciale n. 31 Fornola – Bottagna ”della Ripa” nel tratto compreso tra gli sbarramenti mobili esistenti, già installati per chiusure derivanti da condizioni meteo avverse di cui all’ordinanza n. 122/2016, nel Comune di Vezzano Ligure;

Visto il Verbale di consegna dei lavori prot. 20416 in data 31 luglio 2017;

Preso atto che per la realizzazione di quanto sopra risulta necessaria la sospensione totale della circolazione stradale nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 agosto 2017, con orario 06:00 –

18:00, in considerazione del fatto che le operazioni interessano anche il tratto, lato Bottagna, compreso tra l’impianto semaforico e le barriere mobili esistenti predisposte per la chiusura della strada in caso di eventi meteorologici, di cui all’ordinanza n. 122/2016;

Visti l’Art. 5 comma 3 e l’Art. 6 del D.Lgs 30 aprile 1992 n°285 “Nuovo Codice della Strada” e succ. modd. ed ii.;

Visto l’ Art. 43 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n°495 “Regolamento di Esecuzione ed Attuazione del N.C.d.S.”;

Visto il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti 10 luglio 2002 “Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo”;

Visto l’art. 107 del D.Lgs 18 agosto 2000 n°267 “T.U. delle leggi sull’ordinamento degli enti locali” e succ. modd. ed ii.;

ORDINA

a partire dalle ore 06:00 del giorno 26 agosto 2017 lungo la Strada Provinciale n. 31 Fornola – Bottagna “della Ripa” nel tratto compreso tra gli sbarramenti mobili esistenti in situ, in Comune di Vezzano Ligure:

1) l’istituzione del cantiere stradale ai sensi del vigente N.C.d.S per lavorazioni legate alla manutenzione degli interventi di protezione del versante a cura della S.A.N.A. S.r.l., nel prosieguo “Ditta esecutrice”;

La Ditta esecutrice prende in consegna la tratta interessata dal cantiere stradale dall’orario sopra indicato e fino all’emissione del Certificato di Regolare Esecuzione dei lavori da parte del Direttore dei Lavori di questo Ente, a seguito della quale potranno essere rimossi segnalamento e delimitazioni del cantiere medesimo.

In corrispondenza del cantiere di lavoro, la Ditta esecutrice provvederà ad installare o integrare la segnaletica prevista dal Nuovo Codice della Strada e gli opportuni cartelli di preavviso di regolazione del traffico veicolare.

La Ditta esecutrice ha provveduto a comunicare il nominativo del [Omissis..] quale responsabile del cantiere soggetto a reperibilità h24 (anche in caso di proroga, rinnovo o rettifica di ordinanza)

La Ditta esecutrice rimane responsabile del cantiere (anche in caso di proroga, rinnovo o rettifica di ordinanza) anche per danni a persone o cose che dovessero verificarsi per mancanza, insufficienza od inadeguatezza dei lavori realizzati o della segnalazione dei lavori medesimi, sollevando l’Ente Provincia ed il personale da essa dipendente da qualsiasi pretesa e molestia anche giudiziaria.

La Ditta esecutrice ha inoltre la responsabilità della gestione del cantiere stradale e della relativa sicurezza anche in ordine alla circolazione stradale.

In particolare, poiché risultano necessarie lavorazioni per le quali occorre procedere ad interruzioni temporanee della circolazione, come più sotto specificato, la Ditta esecutrice è autorizzata a procedere all’interruzione ed al ripristino della circolazione secondo gli orari

sotto indicati, purché il ripristino della circolazione risulti compatibile con le condizioni di sicurezza derivanti dallo stato dei lavori e dalle condizioni locali che dovranno essere valutate dal Direttore dei Lavori, se presente in cantiere, ovvero dal responsabile del cantiere sopra nominato o da tecnico da quest’ultimo incaricato, laddove necessario in ragione della complessità della valutazione.

2) la sospensione totale della circolazione stradale in data 26 e 27 agosto p.v. con orario 6:00-18:00, ferme restando le cautele di cui al punto 1) ultimo capoverso;

3) il posizionamento della segnaletica di preavviso dell’interruzione stradale presso le intersezioni principali che la precedono;

Chiunque violi gli obblighi, i divieti e le limitazioni previste nella presente Ordinanza sarà soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma stabilita ex art. 6 coma 14 del Nuovo Codice della Strada – D. Lgs. del 30 Aprile 1992 n° 285.

I funzionari e gli agenti ai quali spetta, ai sensi dell’art. 12 del vigente Codice della Strada, l’espletamento dei servizi di polizia stradale, sono incaricati dell’esecuzione della presente ordinanza.

La presente ordinanza si intende accettata in toto dalla S.A.N.A. S.r.l. allorché la stessa ponga in essere anche solo alcune delle facoltà, obbligazioni o disposizioni contenute nel presente atto, valendo il principio del fatto concludente.

A norma dell’art. 3 comma 4° della Legge 7 agosto 1990 n°241 e succ. modd. ed ii., avverso la presente ordinanza, in applicazione della Legge 6 dicembre 1971 n°1034 “Istituzione dei tribunali amministrativi regionali” e dell’art. 29 del D.Lgs. 2 luglio 2010 n°104 “Delega al governo per il riordino del processo amministrativo”, entro 60 gg. dalla data della sua pubblicazione chiunque vi abbia interesse potrà ricorrere al Tribunale Amministrativo Regionale di Genova per violazione di legge, incompetenza od eccesso di potere o, in alternativa, entro 120 gg., per i soli motivi di legittimità, al Capo dello Stato ai sensi dell’art.8 del D.P.R. 24 novembre 1971 n° 1199 e succ. modd. ed ii.

In riferimento alla collocazione di segnaletica (diversa da quella temporanea e di cantiere), entro 60 gg. dalla data di apposizione della stessa, può essere proposto ricorso gerarchico al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti in relazione al disposto dell’art.37 comma

3° del D.Lgs. 30 aprile 1992 n°285 “Nuovo Codice della Strada” e succ. modd. ed ii. e con la procedura di cui all’art.74 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n°495 “Regolamento di Attuazione del C.d.S.” e succ. modd. ed ii.

Il Funzionario delegato
Arch. Alessandra Tarabotto

Più informazioni su