laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Lo Spezia è partito oggi per Palermo

Più informazioni su

Il mister Gallo alla sala Capellazzi: “Una partita ostica contro una delle favorite. Gilardino? Un ogttimo giocatore, ma non è ancora nostro”. Recuperati in extremis Forte e Okereke.

LA SPEZIA – Lo Spezia è partito oggi con un volo charter dall’aeroporto di Pisa alla volta di Palermo dove domani sera l’attende la difficilissima trasferta contro il retrocesso Palermo. Ma prima della partenza, poche ore fa, il mister Fabio Gallo ha ricevuto i giornalisti alla sala stampa “Rino Capellazzi” del Ferdeghini.

Mister, una partita ostica…
“Certamente – osserva il tecnico di Bollate – contro una squadra retrocessa. Domani sera sarà un banco di prova tosto. Per capire meglio il nostro futuro occorreranno almeno cinque, sei partite. Noi andremo in campo, come sempre, per vincere ma ci batteremo contro una squadra che ha nella qualità, nella cattiveria e nell’agonismo le armi vincenti e soprattutto può contare su un organico formato da tanti giocatori stranieri”.

Prova emozione per la prima in assoluto in serie B?
“Non sono emozionato, né agitato, qui m i sembra di stare a casa. Questa squadra ha l’ambizione di andare avanti e migliorare partita dopo partita. Abbiamo in organico molti giovani in nazionale e da loro mi attendo molto”.

Sul fronte formazione, come stanno gli infortunati Forte e Okereke?
“Abbiamo recuperato sia Forte sia Okereke e pertanto partono con noi per Palermo. Per quanto concerne il portiere – spiega il tecnico – Di Gennaro si è sempre allenato questa settimana ma non è ancora al cento per cento e giocherà Bassi”.

Con il calciomercato ancora aperto, ci può essere ancora qualche arrivo: Gilardino?
“Gilardino è un giocatore che non si discute ma non ancora tesserato per noi: se arriverà sarò ben contento, valuterò le sue condizioni. Ritengo non ci sia un problema anagrafico, in quanto io giocavo titolare a 36 anni in serie A. Certo nel mondo del calcio cambia tutto in pochi giorni complice il mercato aperto, pertanto preferisco pensare all’oggi, all’organico di cui dispongo attualmente”.

Gian Paolo Battini

Più informazioni su