laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Detenuto in Psichiatria, evade dall’ospedale dopo avere aggredito infermiere e spintonato un altro: rintracciato un’ora dopo dai Carabinieri alle Grazie

Più informazioni su

LA SPEZIA Movimentato episodio ieri sera con un detenuto albanese detenuto nel reparto di Psichiatria e che è riuscito ad evadere, aggredendo un infermiere e spintonandone un altro, guadagnandosi così la fuga verso l’esterno dell’ospedale Sant’Andrea. Erano le 19 quando il personale del reparto informava i Carabinieri della Spezia che il 34enne albanese, tratto in arresto dalla Compagnia Carabinieri della Spezia il 31 agosto scorso, e detenuto nel reparto,  si era dato alla fuga. Prontamente la Centrale Operativa dell’Arma diramava le ricerche a tutte le pattuglie dell’Arma e, in particolare, ai militari in servizio nell’area di ponente della città, ove anche ieri sono proseguiti i servizi di controllo del territorio da parte della Compagnia della Spezia.

E così, grazie alla presenza dei Carabinieri a Cadimare, dopo poco più di un’ora dalla fuga, l’uomo veniva rintracciato nel borgo del ponente, ove – a suo dire – si stava recando da parenti. Il 34enne è stato deferito per il reato di evasione e riassociato al reparto di psichiatria. In poco più di 2 mesi l’albanese si è posto in evidenza con l’Arma spezzina almeno in tre occasioni.

La prima volta è stata lo scorso 24 giugno alle Grazie quando venne arrestato dai carabinieri di Porto Venere per minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e deferito anche per porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Nella circostanza, il 34enne, allo scopo di sottrarsi al controllo dei carabinieri, tentò la fuga spintonando i militari ed alcuni passanti, venendo però prontamente bloccato dai militari operanti. A seguito di perquisizione il cittadino albanese venne trovato illecitamente in possesso di un cacciavite di 18 centimetri di lunghezza occultato all’interno della calza destra.

La seconda volta il 31 agosto scorso, quando è stato arrestato dalla Stazione della Spezia Mazzetta perché resosi irreperibile nonostante la misura cautelare degli arresti domiciliari. Ieri il terzo episodio.

Più informazioni su