laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Vogliono portare a casa la vittoria le Azzurre domani sera al Picco contro la Moldavia

Più informazioni su

Fare il nido alla Spezia perchè le potenzialità ci sono. Il sindaco Peracchini: lancia il “pallone”, lo sport è il benvenuto nella nostra città. Turismo e sport vanno bene a braccetto.

LA SPEZIA – «Il calcio femminile deve diventare un esempio per stimolare lo sport. A fare questa dichiarazione è il ct Milena Bertolini della nazionale. La scelta della FIGC di affiancare le squadre femminili a quelle maschili credo possa essere vincente. Per una bambina, anche a livello mediatico, il pensare di poter avere le stesse possibilità di un proprio amico maschio credo sia uno stimolo molto importante. Allo stesso tempo, avere la squadra femminile per un club calcistico ( come ad esempio la Juventus) è un elemento di grande prospettiva. Le società che hanno deciso per una sezione femminile hanno capito quanto di buono possa esserci. Piano piano quasi tutte le società si avvicineranno, abbiamo la certezza che ci si innamori di questo sport declinato al femminile, per la correttezza e il fair play che esprime». «Allora le promesse ci sono tutte e visto che noi vogliamo puntare sul turismo, anche quello sportivo – ha detto il sindaco Pierluigi Peracchini questa mattina in conferenza stampa nella presentazione di domani sera della partita Italia-Moldavia andiamo avanti a passi veloci».

«Competenza organizzativa, ospitalità e capacità di fare tra politica e società civile, abbiamo trovato alla Spezia – ha affermato Giorgio Bottaro, responsabile organizzativo delle Nazionali – ed è per questo che la Nazionale femminile torna qui. Le Azzurre erano venute nel 2015 e promettevano di tornare presto nel Golfo dei Poeti. Domani sera inizia un nuovo corso con la partita contro la Moldavia, una partita da vincere. Le ragazze di Milena Bertolini ripartono dal “Picco” per cercare una qualificazione al Mondiale che sarebbe storica. “Sì, ci troviamo a casa alla Spezia – afferma la Bertolini – ci sono campi eccellenti grazie allo Spezia Calcio e alla FIGC regionale.

La Spezia è appetibile per la nazionale femninile, che ha un target alto, per tutto questo e per l’affetto che ci dimostra il pubblico. Tendiamo a fare il nido».

«Siamo un luogo dove lo sport ad alto livello può esprimersi al meglio – rileva l’assessore allo sport Lorenzo Brogi. Vogliamo essere una città vera dello sport, la Spezia garantirà di far trovare un nido ancora più accogliente quando le Azzurre vorranno tornare».

Il fascino non manca al “Picco”, ma i quasi cento anni dall’inaugurazione si fanno sentire nonostante i restyling. Che possa essere la Federcalcio ad aiutarlo a entrare nel ventunesimo secolo?

“Non possiamo fare impegni diretti – ha detto Bottaro – ma la FIGC ha avviato quei canali che sono diventati operativi per poter accedere a finanziamenti agevolati per ripensare uno stadio o anche a una nuova casa del calcio. Devo dire la verità, molte società si sono avviate lungo questo percorso. La dinamicità della federazione per far accedere a crediti vantaggiosi non è mai venuta meno. Poi ci vuole un interlocutore sul territorio che sappia accedere a questi agevolazioni in accordo con il Comune. Ci vuole una scintilla da parte della città che metta in moto questo tipo di dinamica”.

Non ci sono aquilotte con la maglia azzurra, ma lo Spezia femminile punta a vincere il campionato di serie C e affacciarsi al professionismo.

Claudia Verzani

Più informazioni su