laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

VIII edizione per “Sarzana Senza Tempo”

Più informazioni su

La rievocazione storica alla Cittadella il 16 e il 17 settembre. 

SARZANA – Quest’anno l’ottava edizione di “Sarzana Senza Tempo” anticipa al 16 e al 17 settembre ma resta sempre alla Cittadella, cornice ideale per la rievocazione storica di una serie di eventi che vedono coinvolte ben 16 compagnie d’armi provenienti da tutta Italia, uno spettacolo tra teatro e rievocazione storica con musica dal vivo, tre secoli di storia, 150 rievocatori, 7 botteghe di artigiani al lavoro e 12 banchi di mercato.

“Sarzana Senza Tempo-dicono il sindaco Alessio Cavarra e l’assessore alla cultura Nicola Caprioni- è una di quelle manifestazioni che regalano alla città un’atmosfera del tutto particolare. Quest’anno molte sono le novità per una manifestione giunta all’VIII edizione che richiama sempre moltissime persone”.

Fra le novità, sabato 16 settembre, l’apertura delle porte del tempo sul XV secolo, per rievocare finalmente un evento storico tutto sarzanese: la famosa “Guerra di Serrezzana”, che nel 1487 ha visto lo scontro, tra le truppe genovesi dei Fieschi e quelle fiorentine di Lorenzo il Magnifico per il dominio della nostra città. Lo spettacolo, una originalissima mescolanza tra teatro e rievocazione storica, è frutto della collaborazione con la Associazione Teatro Ocra, che con questo evento anticipa il suo progetto “(S)maschera: un teatro per le nuove generazioni”, una serie di spettacoli teatrali in collaborazione con la Scuola, per una cultura dei linguaggi scenici, a partire dai giovanissimi, come stimolo alla coesione sociale e alla crescita culturale del nostro territorio.

Altra novità importante per l’associazione culturale “Senza Tempo”, organizzatrice della manifestazione è l’affiliazione al CERS (Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche) grazie alla quale la serie di eventi e quindi la città di Sarzana, entrano a far parte di un circuito prestigioso per il mondo della rievocazione storica; un bel traguardo dopo il lavoro fatto in questi sette anni.

Dunque basterà entrare nella Piazza d’Armi della Cittadella per tuffarsi nella storia: grazie ad una parte del mercato e alle botteghe ricreate all’interno delle cellette del piano terra. Possibile poi ammirare le attività didattiche e interattive di antichi mestieri quali: l’orefice, la sarta, le tessitrici, lo speziale, l’usberghiero (l’artigiano che realizzava le cotte di maglia per i soldati) e perfino sbirciare in un bagno pubblico!

Piazza d’Armi sarà anche teatro dello stage di scherma rinascimentale tenuto dall’istruttore FIS (Federazione Italiana Scherma) Riccardo Rudilosso e rivolto a tutti i rievocatori; il pubblico potrà in questo modo vedere come i rievocatori si allenano.

Anche l’androne che porta al fossato verrà colorato dai banchi del mercato ed ospiterà la taverna, gestita dai ragazzi del bar “La Dolce Vita” e da qui si potrà accedere anche alla sala delle torture…

Nel fossato anche quest’anno i bambini saranno protagonisti di varie attività didattiche: in collaborazione con l’associazione “Raglio Forte” di Fosdinovo, i più piccoli potranno conoscere, coccolare, strigliare e condurre dei simpatici e docili asinelli e al termine ricevere il “Diploma del piccolo pellegrino”; questa è un’attività pensata per i bambini, che richiede pazienza e valorizza la lentezza dei movimenti, lentezza che ha poco spazio nelle nostre vite moderne, anche in quelle dei più piccoli.

Proseguendo nel fossato lo spettatore potrà fare una vera e propria passeggiata nella storia, incontrando i rievocatori intenti nelle loro attività del campo storico, che quest’anno aprirà un interessante spaccato dal XIII secolo fino alla fine del XV, tre secoli in poche centinaia di metri a spasso nel tempo.

Come detto sabato 16 settembre (ore 21.30) in collaborazione con l’Associazione Teatro Ocra ci sarà lo spettacolo tra teatro e rievocazione: La Guerra di Sarzana, anticipazione del progetto “(S)maschera: un teatro per le nuove generazioni”, serie di eventi realizzati con il contributo di Fondazione Carispezia nel contesto del bando “Eventi Culturali 2017”. Lo spettacolo di rievocazione nasce dalla sinergia tra le associazioni “Teatro Ocra” e “Senza Tempo” e si intitola appunto “La Guerra di Serrezzana” una messa in scena, sotto forma di rievocazione storica, delle fasi salienti di una battaglia realmente avvenuta alla fine del ‘400, tra genovesi e fiorentini per il predominio sulla città. Un meraviglioso testo originale, scritto da un anonimo testimone della battaglia, nell’antica forma letteraria dell’ottava rima, documenta questi storici eventi che parlano della frammentazione del nostro paese in mille piccoli centri di potere, offrendoci l’occasione per una ulteriore riflessione sulla violenza della guerra e le sue tragiche conseguenze. L’antica narrazione medievale nella performance dell’attore Toni Garbini, sostenuta dalla musica dal vivo di Dario Landi, scandirà lo scontro tra i cento rievocatori, che nell’impeto della battaglia all’arma bianca si contenderanno la Fortezza Firmafede, tra scoppi di bombarde e uno spettacolare “incendio” delle mura: uno spettacolo da non perdere. L’ormai tradizionale “notte senza tempo” continuerà tra fossato e piazza d’armi con la possibilità di visitare i campi storici e lo spettacolo di fuoco di “Giullaresenzaradici” in piazza d’armi.

Domenica 17 in piazza d’armi avrà luogo il torneo cortese in armatura (XIV secolo) “Le cinque morti del cavaliere”, quest’anno dedicato alla memoria dell’armaiolo sarzanese Carlo Gennaro, scomparso lo scorso marzo e da sempre sostenitore della nostra manifestazione. Infine, grazie alla consolidata collaborazione con la Cooperativa Earth, sarà visitabile anche nei giorni del nostro evento, il MUdeF (Museo delle Fortezze). Orari manifestazione sabato 16 settembre – dalle ore 14.00 alle 24.00 e domenica 17 settembre – dalle ore 10.00 alle 18.00.

Ecco il dettaglio del programma :

sabato 16 settembre dalle ore 14.00: Piazza d’armi e Androne: botteghe dei mestieri, mercato, taverna con cibo, ippocrasso, birre artigianali e la sala delle torture. Stage di scherma rinascimentale. Spettacoli de lo giullare Giullaresenzaradici Fossato: Campi storici XIII – XIV e XV secolo

A spasso con gli asinelli, a cura dell’Associazione “Raglio Forte”. Dalle ore 21.30 Fossato: a.D. 1487 La Guerra di Serrezzana – La battaglia finale tra genovesi e fiorentini. Ore 23.00 Piazza d’armi: spettacolo di fuoco di Giullaresenzaradici

Domenica 17 settembre a partire dalle ore 10

Piazza d’armi e Androne: botteghe dei mestieri, mercato, taverna con cibo, ippocrasso, birre artigianali e la sala delle torture.

Stage di scherma rinascimentale. Spettacoli de lo giullare Giullaresenzaradici

Fossato: Campi storici XIII – XIV e XV secolo. A spasso con gli asinelli, a cura dell’Associazione “Raglio Forte”. Dalle ore 15.00. Piazza d’armi: Torneo cortese in armatura XIV secolo “Le cinque morti del cavaliere”. Ore 18.00

Piazza d’armi: premiazioni e chiusura manifestazione

Elenco Compagnie presenti:

Compagnia mercenaria della Merla (fine XIV sec.)

Sarzana e Recco (GE) – gruppo organizzatore

Fanti di Spade (1280 – 1310)

Sarzana

Carole di San Martino (1300 – 1350)

Villastellone (TO)

Compagnia di Sant’Andrea (fine XIV sec.)

Carrara (MS)

La Vergine di Ferro (XIV sec.)

Livorno

Compagnia del Lion d’Oro (XIV sec.)

Firenze

Grifoni rampanti (1370 – 1410)

Capannori (LU)

Flos et Leo (XIV – XV sec.)

Tortona (AL)

Compagnia del Lupo Rosso (1370 – 1453)

Firenze

Compagnia del Montone (seconda metà XV sec.)

Terra del Sole (FC)

Libera compagnia d’arme delle Tre Fiere (1280 – 1350)

Pisa

Compagnia della Spada e della Veglia (XV sec.)

Lucca

Compagnia Borgo del Diavolo – (ultimo quarto XV sec.)

Argelato (BO)

Compagnia dell’Istrice (seconda metà del XV sec.)

Repubblica di San Marino

White Company (XIV sec.)

Livorno

Balestrieri di Città di Castello – Lupi di Ventura (seconda metà XV sec.)

Città di Castello (PG)

Più informazioni su