laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’avversaria – Pescara: Zemanlandia è meno spericolata

Più informazioni su

A differenza del passato, la filosofia del tecnico boemo non ha prodotto ai pescaresi significative disparità tra i reparti di gioco. Vero, la difesa subisce, ma non in maniera eccessiva. L’ attacco, invece, è la vera chicca. 

LA SPEZIA – Partiamo da un dato: il Pescara non è la peggior difesa del campionato. Ma nemmeno il miglior attacco. Sarà per questo motivo che il settantenne Zeman ha dichiarato di non divertirsi come un tempo? Fatto sta che, maturata l’età, il tecnico boemo sembra aver raggiunto un equilibrio sino a poco tempo fa non pronosticabile.

Le 25 reti subite e segnate fanno infatti da cornice a un altro curioso dato, quello relativo alle cinque partite vinte, pareggiate e perse. Più che equilibrio, allora, giocatori, allenatore e dirigenti abruzzesi dovrebbero tentare la sorta sulla ruota di Pescara, quella che dona il grande sogno del ritorno nella massima serie. E magari rimanerci.

Sì, perchè dopo la brutta parentesi in A della passata stagione, il Delfino ha tutta l’ intenzione di recitare la parte del protagonista nel difficile ed imprevedibile campionato della B.

Rosa giovane, schierata per attaccare, come tipico del resto delle squadre di Zeman, il Pescara rappresenta a tutti gli effetti il prototipo della cadetteria: squadra ostica, sia in casa che fuori, mai doma e pronta a giocarsela con qualunque tipo di avversario.

Trascinato da un Pettinari in stato di grazia – dieci sin qui le reti messe a segno – l’attacco è senza dubbio la specialità di casa, dove, oltre alla punta scuola Roma, anche il classe ’99 Capone, complice i cinque gol realizzati in appena otto presenze, sta regalando non poche gioie. A questo si aggiunga poi un centrocampo col vizietto del gol grazie al duo Brugman – Benali per avvertire le difese avversarie.

In piena zona play off a quota 20 punti, la squadra di Zeman ha insomma tutte le carte in regola per tentare nuovamente la scalata tra i grandi del calcio, a patto che regga il particolare equilibrio sin qui raccolto.

Più informazioni su