laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Per la Cisl: Il guasto alla sottostazione elettrica del centro città determina una riflessione sull’intera filovia

Più informazioni su

I motori ecologici moderni garantiscono le stesse prestazioni in termini ambientali con costi inferiori per l’acquisto dei mezzi”.

LA SPEZIA – “Il guasto alla sottostazione elettrica di Via Fiume che alimenta la filovia pone una riflessione non più rimandabile rispetto alla scelta di proseguire o meno sulla strada del trasporto filoviario in città”. Lo dice Marco Moretti, segretario generale della Fit Cisl della Spezia.

“Le alterne vicende che hanno caratterizzato i filobus e il loro utilizzo negl’ultimi anni ci dicono chiaramente che dobbiamo decidere una volta per tutte. Oggi infatti, l’espansione della filovia appare più una petizione di principio che non un reale progetto volto ad elettrificare le principali linee urbane”, prosegue Moretti.

“E’ con rammarico e dispiacere che poniamo all’attenzione dell’Azienda e degli attori istituzionali questa riflessione ma, l’approssimarsi della scadenza del contratto di servizio e l’avvio delle nuove procedure di affidamento combinato alla ben nota situazione in cui versa il parco mezzi, impongono che si apra una discussione anche sulla filovia”, sottolinea Moretti.

“Oggi solo la linea 3 (peraltro parzialmente) e la linea 1 vengono servite (e non sempre!!!) con i filobus.

Sulla 1 sono utilizzati filobus molto datati e ci chiediamo cosa accadrà quando questi saranno completamente inservibili? Ci saranno le risorse necessarie per sostituirli? Il costo dei filobus, almeno cinque volte superiore a quello di un autobus, giustifica ancora tale scelta? Le motorizzazioni di ultima generazione poi, altamente ecologiche, rappresentano oggi un valido sostituto del filobus anche sotto il profilo ambientale. E’ doveroso dunque non trascinare ancora la discussione: il tema va affrontato seriamente partendo dalle risorse disponibili, dall’analisi del rapporto costi e benefici, dai bisogni degli utenti e dei lavoratori che hanno diritto ad un parco mezzi rinnovato ed efficiente”.

Più informazioni su