laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

“Poesie per aeroporti e stazioni”: Lubrano e Picciolo martedì sera al Pazza Idea

Più informazioni su

Il poeta e romanziere spezzino fa coppia con il talentuoso musicista premio Lunezia Manuel Picciolo, in arte Mappo, per una serata speciale nel locale sarzanese.

SARZANA – Poesie da viaggio: per aeroporti, stazioni, e altri non-luoghi. Il poeta e romanziere Filippo Lubrano, parte del collettivo dei Mitilanti, unisce le forze con Manuel Picciolo, per uno spettacolo a tema che riempirà i locali del Pazza Idea (bar di Via XX Settembre, 9, Sarzana) il prossimo martedì 28 novembre, alle 22.

Parole utili al viaggio: a esorcizzarne le paure iniziali, a scongiurare l’ansia da rientro, e a godersi di più il momento stesso. Perché, come sostiene una delle citazioni preferite di Lubrano, “Adoriamo viaggiare, e detestiamo arrivare”.

Dopo averci portato in Asia con il suo romanzo “Radici Aeree”, l’autore spezzino questa volta allarga lo sguardo al tema dei non-luoghi in generale, quelle anse in cui è inevitabile trovarsi a passare per poter godere dell’esperienza dell’altrove. Ad accompagnarlo il fido Manuel Picciolo, con cui Lubrano ha già collaborato spesso negli spettacoli di poesia performativa dei Mitilanti. Il duo ha preparato uno spettacolo ad hoc dove musica, rumori, voce nuda e poesia si sposeranno in un reading sinfonico.

Per Manuel Picciolo, in arte Mappo, lo spettacolo si inserisce nel suo percorso di crescita come artista: “Con Filippo abbiamo una sintonia che raramente si trova nello spettacolo. Quello che cerco di fare è cucire addosso alle sue parole le note necessarie. “Poesie per aeroporti e stazioni” comprenderà atmosfere blues, country, ritmi sudamericani, momenti di meditazione e rumori alla Brian Eno. È un’opera che muove gli animi, e che sento molto vicina alla mia pratica spirituale quotidiana”. Lubrano e Picciolo condividono infatti una fascinazione per l’Oriente che per uno ha ragioni affettive (per il suo mestiere di ingegnere Lubrano ha vissuto a Bangkok, in Thailandia, per oltre un anno), per l’altro religiose.

Entusiasta Giovanna Ratti, del “Pazza Idea”: “Lo spettacolo si inserisce nella nostra fitta programmazione culturale, nell’ambito del quale il martedì sera ricopre un ruolo di proposta più sperimentale. Siamo molto felici di avere qui Filippo Lubrano per la prima volta, e di riavere la nostra vecchia conoscenza Manuel Picciolo. Siamo davvero ansiosi di assistere all’unione delle loro arti”.

Più informazioni su