laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

“Oscuri Ardori”, nuovo appuntamento con la rassegna invernale di NIN

Più informazioni su

Domenica alle ore 19:30 in sala Ocra a Piazza Terzi, Sarzana, andrà in scena un nuovo appuntamento con la rassegna invernale di NIN.

Gli ospiti saranno Francesco Gabrielli e Alessandro Dell’Atti con il loro spettacolo tratto dal Macbeth di Shakespeare: Oscuri Ardori.

“Ripartire dal corpo, ripartire dalla relazione fisica e danzata per indagare la natura di una delle coppie più controverse e discusse tra le opere shakespeariane: Macbeth e Lady Macbeth.”

Abbiamo chiesto a Francesco e ad Alessandra di parlarci del loro lavoro, di come sia nato e di come si sia evoluto.

Ecco cosa ci hanno raccontato.

Nella solitudine della lotta per la vita, in un epoca in cui l’identità di un popolo si misura con il sangue versato dal nemico a segnare i confini del proprio regno; i coniugi “Macbeth” si mettono in luce come gli eroi negativi per eccellenza dell’opera shakespeariana, le cui azioni senza ritorno contengono quella sete di potere e di affermazione che sovverte lo stato naturale delle cose e supera i limiti dell’ immaginazione, deformando la realtà in incubo, l’inconscio in sovrannaturale, il sorriso in un assassino nascosto tra il mondo.

La scelta di raccontare l’ascesa e la caduta dei due coniugi shakespeariani e’ legata alla volontà di indagare alcuni degli aspetti più oscuri della natura umana, per dare una rappresentazione dei suoi confini, oltre i quali la natura umana nega se stessa, allorché’ l’uomo annienta i suoi simili per soddisfare le proprie ambizioni di potere.

Nell’oscura selva delle proprie fragilità, le anime di Macbeth e Lady Macbeth si intrecciano come rami rampicanti di velenose edere, pronte a tutto per alimentare e sostenere le proprie ambizioni di potere attraverso un atto: l’uccisione del proprio re. Simbolicamente anche un padre per loro, che scompone l’ordine riconosciuto della vita e l’armonia che ne scaturisce.

Le vicende di questa “coppia nera” non vengono solo raccontate, bensì si imprimono nell’animo di chi assiste attraverso suggestioni musicali, fisiche e vocali, trasfigurate nell’atto di incarnare una sete di potere che diventa sinonimo di perdita e di follia nella progressione del racconto stesso, fino al suo atto finale.

La musica e la voce di un cantante/musicista interagiscono con l’ azione scenica, traducendo in paesaggio emotivo l’animo dei due protagonisti, attraverso un linguaggio universale che allarga la riflessione sulla loro natura all intera umanità.

Lo spazio scenico e’ un luogo intimo, abitato solo dai due personaggi e dai loro oscuri ardori, uno spazio disarmato, come disarmati sono i corpi e le voci dei due attori/danzatori nel raccontare un fatto umano che si ripete, superando epoche e civiltà, nello scorrere del tempo.

“[…] umanità dolente, che sottratta all’essere umanità dolente e restituita al non essere più umanità dolente, entrando ed uscendo dalla scena, mentre la vita ti lascia una sola scelta.”

Macbeth, W.S

OSCURI ARDORI

– Da un’idea di Alessandra Dell’Atti e Francesco Gabrielli, liberamente tratto da Macbeth di William Shakespeare –

Di e con: Alessandra Dell’Atti e Francesco Gabrielli

Musiche e Canti: Luca Andriolo

Durata: 50 minuti 

Domenica ore 19:30 in Piazza Terzi, Sala Ocra, Sarzana.

Per info e prenotazioni: 338 5832027

Più informazioni su