laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Porto Venere: accordo con Comsubin per la tassa sui rifiuti

Al comune vanno 1.494.360,00 euro a risarcimento dei tributi pregressi non saldati.

PORTO VENERE – E’ stato firmato questa mattina dal Sindaco Matteo Cozzani e dall’Ammiraglio Paolo Pezzutti l’atto di conciliazione stragiudiziale che chiude definitivamente la vertenza per la tassa sui rifiuti in corso dal 2015 fra le due amministrazioni. Il Comune di Porto Venere pretendeva un maggiore esborso da parte del Comando incursori e palombari in virtù dell’accertamento di una maggiore occupazione di superficie degli immobili rispetto a quanto dichiarato in passato.

Per la precisione, dopo il rilievo puntuale da parte dei tecnici comunali era emersa una discrepanza fra quanto dichiarato e la reale occupazione di circa 13.000 metri quadrati.

E così, dopo vari incontri fra gli uffici delle due amministrazioni si è giunti ad un compromesso che oltre a sanare definitivamente, anche per gli anni futuri la posizione tributaria della base navale delle forze speciali della Marina, farà introitare 1.494.3600 euro al Comune di Porto Venere che verranno versati, in base all’accordo stipulato, per metà entro la fine del 2017 e il saldo entro il primo semestre 2019.

“Credo sia doveroso ringraziare gli uffici comunali per averci aiutato a raggiungere un risultato così importante per la nostra amministrazione – dichiara il Sindaco Matteo Cozzani – E’ stato un lavoro molto lungo e davvero impegnativo che ci permetterà già dal prossimo anno di avere dei vantaggi per quanto riguarda la tassa dei rifiuti in quanto di fatto con questa transazione andiamo ad allargare la base imponibile della tassa dei rifiuti con la naturale conseguenza di un ulteriore ritocco in diminuzione delle tariffe per tutti gli altri utenti. Devo sottolineare anche la serietà con la quale si è comportata la Marina Militare ed in particolare l’Ammiraglio di Comsubin Paolo Pezzutti che ha compreso e riconosciuto con grande onesta intellettuale le nostre richieste e si è fatto parte attiva nei confronti dello Stato Maggiore, per cercare di raggiungere questo importantissimo accordo, che avrà positive ricadute su tutta la nostra comunità. “