laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il “Cardarelli”: arte per la solidarietà

Più informazioni su

I ragazzi della 4B e 4E , del Liceo Artistico, hanno prodotto quello che diventerà il logo dell’associazione per la cooperazione e sostegno a distanza “Nuovo Cammino”.

LA SPEZIA – Tutto è partito dalla informatizzazione delle schede anagrafiche  dei bambini/e che sono aiutati nel loro percorso scolastico da famiglie italiane. I bambini citati sono indiani.

La ragione va ricercata all’origine di questo piccolo gruppo di spezzini diventata poi associazione ONLUS.

La storia ha inizio circa quaranta anni fa; la molla che ha fatto scattare il desiderio e l’impegno di fare qualcosa per le popolazioni più distanti e misere è stata la conoscenza, diventata amicizia, con una suora appartenente alla congregazione delle suore di S. Luigi Gonzaga con sede ad Alba, conosciute anche a La Spezia perché hanno gestito le scuole elementari “Don Rubino” in via XX Settembre ed ora sono presenti, a Rebocco, con la scuola per l’infanzia “San Luigi”.

Quel piccolo gruppo di spezzini ha avviato e continuato una collaborazione fattiva con le missioni indiane, grazie a vari collaboratori spezzini, incentivati dalla professionalità con cui l’equipe delle suore indiane hanno fatto promozione sociale, economica e spirituale , costruito e gestito scuole, cercando di dare risposte concrete ai più poveri ma soprattutto seguendo il loro carisma che è quello di istruire ed educare i giovani, anzi in modo particolare le bambine per prepararle ad una emancipazione sia economica che culturale.

La sensibilità  della Preside Prof.ssa Sara Cecchini, del Vice Preside Prof. Andrea Tinelli e del Prof. Matteo Grimoldi, hanno reso possibile ai ragazzi di poter conoscere questa piccola realtà di volontariato e su questa farli  esprimere nel loro terreno più congeniale: l’espressione artistica.

E’ da ricordare anche che la scuola non è elemento estraneo agli interessi dell’associazione proprio perché da alcuni anni è venuto spontaneo sostenere bambini e ragazzi nel loro percorso scolastico a distanza, iniziativa sostenuta da singoli, gruppi, club.

Un vivo ringraziamento quindi da parte dell’associazione a tutti i ragazzi che si sono impegnati in questa proposta di studio che possa vedere future  collaborazioni.

Più informazioni su