Nel mezzo del casin di nostra vita

Domenica 4 luglio 2021, ore 21.30, Fiumaretta, Rotonda Lungofiume – Ameglia.

TEATRO PUBBLICO LIGURE AD AMEGLIA – La Spezia
SIPARIO MARE – I BORGHI RACCONTANO – V edizione
Produzione Teatro Pubblico Ligure
Direzione artistica Sergio Maifredi

AMEGLIAMaurizio Lastrico domenica 4 luglio 2021 è il grande protagonista della quinta edizione di “Sipario mare. I borghi raccontano” ad Ameglia, in provincia della Spezia. L’attore si esibisce alla Rotonda Lungofiume di Fiumaretta, sulla riva sinistra del fiume Magra, con lo spettacolo Nel mezzo del casin di nostra vita. L’appuntamento segna il ritorno della rassegna prodotta da Teatro Pubblico Ligure con la direzione artistica di Sergio Maifredi, con il sostegno del Comune di Ameglia e il contributo della Regione Liguria attraverso Teatro Pubblico Ligure. Il progetto fa parte della rete STAR – Sistema Teatri Romani Antichi. Main sponsor: Iren S.p.A. Per informazioni: tel. 0187 609209, Facebook Viviameglia, email: turismo@comune.ameglia.sp.it. Ingresso libero fino a esaurimento posti, secondo la normativa vigente.

«Riuscire a confermare Sipario mare. I borghi raccontano – dichiara Serena Ferti, assessore al Turismo del Comune di Ameglia, rivolgendosi ai cittadini – anche quest’anno, con tutte le difficoltà legate alla situazione pandemica che tutti conosciamo, è stato molto impegnativo ma sicuramente ne usciamo orgogliosi e soddisfatti. Ripartire con la cultura e con l’intrattenimento di qualità significa ricostruire, passo dopo passo, la nostra forma mentale in positivo. Teatro Pubblico Ligure è una garanzia e non potevamo rinunciare a questa rassegna che ci accompagna ormai da cinque anni. Maurizio Lastrico sarà una bomba di divertimento, arte e cultura pertanto vi invito a non mancare assolutamente». Ameglia è caratterizzata dai suoi borghi diffusi tra Montemarcello e le due sponde del fiume Magra, alla cui foce sorgono Bocca di Magra e Fiumaretta.

Lastrico, artista amatissimo dal pubblico e dalla formazione classica, in grado di spaziare con naturalezza fra generi diversi, in Nel mezzo del casin di nostra vita con i suoi celebri endecasillabi “danteschi” descrive con ironia incidenti quotidiani, la sfortuna che incombe, il caos che gode nel distruggere i rari momenti di tranquillità della vita. Nelle sue storie condensate, in cui la sintesi e l’omissione generano un gioco comico di grande impatto.

Social

137FansMi piace
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Pubblicità

Articoli più visti