Pol Galbas ecco il “bomber” per il Sarzana di Mirko Bertolucci

SARZANA – Un colpo cercato e voluto che era nell’aria ormai da mesi, l’ Hockey Sarzana voleva, per la prossima stagione, riunire i due fratelli catalani Joan e Pol Galbas e il Presidente Maurizio Corona presenta Pol Galbas, attaccante e “bomber” di razza che arriva dall’ultima sfortunata stagione a Bassano costellata da vari infortuni. Catalano della “cantera” del Barcellona, dopo un percorso ricco di successi in Spagna, si è trasferito in Italia nelle ultime due stagioni, il primo anno a Montebello dove, fino allo stop per la pandemia, era andato a segno in 15 occasioni. Poi la scorsa stagione il passaggio a Bassano con cui , nonostante una stagione non fortunata, è andato a segno 9 volte. Pol Galbas, dopo un giro in città insieme al presidente, fa subito un appello ai tifosi sarzanesi “Come giocatore mi mancano tanto i tifosi nei palazzetti, questo sport senza di loro non è lo stesso. Quindi speriamo di goderceli il più presto possibile. Per ultimo, ricordo benissimo la partita della scorsa stagione a Montebello dove a sostenermi c’erano un gruppo di tifosi catalani miei amici e gli Incessanti a sostenere il Sarzana, quella sera ho visto una bellissima tifoseria, quindi voglio dire agli Incessanti che se il sostengo e cosí come quella sera sono sicuro che faremo grandissime cose tutti assieme. (nella foto Pol Galbas con la maglia dell’Hockey Sarzana).

Il Presidente Maurizio Corona presenta così Pol Galbas: Un giocatore che avevamo provato a portare a Sarzana la scorsa estate dopo la splendida stagione giocata a Montebello, ma l’offerta del Bassano ci aveva messo fuori gioco. Appena si è aperta la possibilità di riprovarci non ci siamo fatti scappare l’opportunità e siamo entusiasti che Pol Galbas possa vestire la maglia rossonera la prossima stagione. Ha caratteristiche che si sposano bene col nostro progetto tecnico e pensiamo che ci possa dare una grande mano sia dal punto di vista realizzativo sia dal punto di vista della costruzione del gioco che della fase difensiva. Questo ragazzo, ex della “cantera” del Barcellona – continua Corona – il cui curriculum hockeisticho è di altissimo profilo, è sempre stato indicato in Spagna come un sicuro predestinato; per avere Pol Galbas, abbiamo dovuto far fronte alla concorrenza di molti club italiani e spagnoli, tutti mi hanno decantato la sua velocità e il suo tiro, per lui parlano le reti messe a segno nelle stagioni in ok liga e nella sua prima stagione italiana a Montebello, quando con la sua velocità metteva in apprensione tutte le difese avversarie. L’ultima stagione a Bassano non la giudico neppure – chiude il Presidente – sembrava un altro giocatore, a Sarzana sono certo che troverà l’ambiente giusto per rimettere in mostra le sue indiscusse doti”. Parole quelle del Presidente confermate da Sergio Festa, “bomber” rossonero indimenticato che nell’ultima stagione ha giocato a Bassano con Pol Galbas: “Innanzi tutto una bravissima persona, una persona di gran cuore e di gran spessore umano. Da giocatore e compagno di squadra posso dire che il vero Pol è ancora tutto da scoprire, tecnica, rapidità e cambio di direzione spiazzante, un mastino in difesa, grandi margini di crescita ma soprattutto una persona di gruppo e di squadra. Gli faccio il mio in bocca al lupo per la prossima stagione e sono certo che a Sarzana si troverà benissimo e farà molto bene” Un colpo cercato e voluto che era nell’aria oramai da mesi, l’ Hockey Sarzana voleva per la prossima stagione riunire i due fratelli catalani Joan e Pol Galbas, e il Presidente Maurizio Corona ha presenta Pol Galbas, attaccante e “bomber” razza che arriva dall’ultima sfortunata stagione a Bassano costellata da numerosi infortuni. Catalano della “cantera” del Barcellona, dopo un percorso ricco di successi in Spagna si è trasferito in Italia nelle ultime due stagioni, il primo anno a Montebello, dove fino allo stop per la pandemia era andato a segno in 15 occasioni. Poi la scorsa stagione il passaggio a Bassano dove, nonostante una stagione non fortunata è andato a segno 9 volte. Ma veniamo al dettaglio: Joan Galbas è nato nel 1993, giocatore nel top della sua maturità hockeystica che presenta un curriculum hockeystico degno di nota. Inizia a 3 anni a pattinare quando il padre allenava la squadra del Mataró in OK Lega. Poi sino a 12 anni gioca nel Jesus Maria i Josep (JMJ), due stagioni nel CE Cornella, poi il grande salto nell’ FBC Barcellona dal 2007 al 2013 dove vince 3 campionati catalani, 3 campionati spagnoli, 2 campionati spagnoli con la selezione catalana e 3 coppe di terza divisione catalana e debutta con la maglia del Barcellona in OK Liga a soli 18 anni. Nel 2013 passa al Calafell e dopo due stagioni passa all’Igualada in cui milita una sola stagione. Dal 2016 fino al 2019 nelle file del Caldes in cui partecipa a due semifinali di Coppa Cers, nel 2017 a Viareggio e nel 2019 a Reus. Con la maglia della Nazionale Spagnola vince 1 Europeo cat.U17, 1 Europeo U20 ed 1 Mondiale U20 da protagonista. Ecco le sua prima intervista rossonera: I tuoi hobby e i tuoi interessi?mi piace giocare a padel e a tennis. Poi uscire con gli amici, andare al mare e conoscere posti nuovi sono le cose che mi piacciono fare di più nel mio tempo libero.Sei felice di giocare a Sarzana e di giocare con tuo fratello? Sono molto felice di giocare insieme a mio fratello. Sicuramente questa è stata certamente una delle cose più importanti per cui ho deciso di venire qui, non sempre capita di potere giocare insieme al fratello. Sono sicuro che sarà una bellissima esperienza per entrambi.” Cosa pensi del Sarzana? Penso che il Sarzana è cresciuto tanto in questi ultimi anni. Poi con mister Bertolucci supportato dal presidente e da tutta la dirigenza la squadra e la società sono cresciute esponenzialmente e la formazione rossonera si è stabilita tra le migliore squadre del campionato e quest’ultima è lo specchio del lavoro fatto riflesso nei risultati ottenuti. Cosa vuoi dire ai tifosi del Sarzana? Penso che senza ombra di dubbio gli Incessanti e tutta la gente di Sarzana saranno fattore essenziale per raggiungere gli obiettivi che ci proporremo la prossima stagione. A me come giocatore mancano tanto i tifosi nei palazzetti, questo sport senza di loro non è lo stesso. Quindi speriamo di goderceli il più presto possibile. Per ultimo, ricordo benissimo la partita di due stagioni orsono a Montebello dove a sostenermi c’erano un gruppo di tifosi catalani miei amici e gli Incessanti a sostenere il Sarzana, quella sera ho visto una bellissima tifoseria, quindi voglio dire a gli Incessanti che se il sostengo e cosí come quella sera sono sicuro che faremo grandissime cose tutti assieme.

Social

137FansMi piace
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Pubblicità

Articoli più visti