La Polizia di Stato rintraccia alla Spezia un cittadino straniero scomparso in Francia

LA SPEZIA – Nelle prime ore della mattinata di mercoledì 7 luglio, veniva segnalata da alcuni passanti, a personale della Squadra Volante in servizio in zona, una persona in stato di alterazione psico-fisica in via Pascoli.

Sul posto gli agenti individuavano un uomo, seduto davanti all’ingresso di una banca, da subito apparso in stato confusionale, affatto collaborativo, che rifiutava anche di fornire documenti o informazioni per risalire alla sua identità.

Accompagnato in Questura e sottoposto agli accertamenti previsti, l’uomo risultava poi essere un cittadino tedesco di origine congolesi, di 39 anni residente in Francia, segnalato in diverse località italiane sotto vari alias.

Nel corso degli accertamenti, il personale di polizia riconosceva nello sconosciuto un cittadino straniero oggetto di segnalazione nella nota trasmissione televisiva “Chi l’ha Visto?”.

Contattata quella redazione di RAI 3, venivano acquisiti rimandi positivi sulla persona rintracciata ed i dati esatti dell’uomo, nonché il contatto della di lui madre che ne aveva denunciato la scomparsa alle autorità francesi nell’ottobre 2020, dopo che si era allontanato da casa senza i farmaci necessari per la sua terapia. Il dirigente dell’UPG attivava i previsti canali di cooperazione internazionale per completare le attività di polizia del caso.

Nel frattempo l’uomo veniva trasportato presso il locale ospedale per gli accertamenti del caso ed ivi ricoverato presso il reparto di psichiatria.

La madre, contatta per le vie brevi, dopo aver confermato trattarsi di suo figlio, nel pomeriggio di venerdì faceva scalo all’aeroporto di Pisa per poi recarsi presso gli uffici della Questura spezzina e successivamente presso l’Ospedale di La Spezia ove finalmente poteva riabbracciare il figlio.

Nella mattinata di lunedì la famiglia riunita, a bordo di automedica, faceva rientro in Francia, da dove ha chiamato il personale delle Volanti, per ringraziarlo ancora una volta per l’intervento operato, avendo perso da tempo le speranze di ritrovare il proprio familiare visto il delicato quadro clinico pregresso.

Il plauso del Questore è andato agli agenti delle Volanti che hanno operato con professionalità e tenacia, scavando nel passato dello straniero e risalendo alla sua esatta identità di cittadino tedesco – e non congolese come dichiarava di essere – allontanatosi dalla Francia, distretto di Parigi,  senza la possibilità di farvi ritorno in autonomia, assistendolo sin da subito, ponendolo così a disposizione dei sanitari  e restituendolo nel giro di 48 ore  alla sua famiglia.

Social

137FansMi piace
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Pubblicità

Articoli più visti